in

Ross Brawn esorta Vettel o Leclerc ad ammettere le proprie colpe

Il direttore sportivo e tecnico tecnico di Formula 1 Ross Brawn ha esortato uno tra Sebastian Vettel o Charles Leclerc a “seguire l’esempio di Hamilton”

Ross Brawn
Ross Brawn

Il direttore sportivo e tecnico tecnico di Formula 1 Ross Brawn ha esortato uno tra Sebastian Vettel o Charles Leclerc a “seguire l’esempio di Hamilton” e ad ammettere la colpa del loro incidente con la Ferrari durante il Gran Premio del Brasile. Entrambi i piloti Ferrari erano in un’ottima posizione per raggiungere il podio a Interlagos, prima di finire anzitempo il proprio Gran Premio del Brasile a causa di una collisione tra le loro monoposto.

I Commissari lo hanno giudicato un incidente di gara e Brawn sente che uno di loro dovrebbe assumersi la responsabilità, come ha fatto Lewis Hamilton dopo la gara, quando la sua Mercedes ha finito per danneggiare la Red Bull di Alex Albon . “Non vorrei avventurarmi in un’opinione su chi fosse il più colpevole nella collisione”, ha detto Brawn dopo la gara secondo quanto riportato da RaceFans.net . “Ma a mente fredda, forse sarebbe bello se uno di loro seguisse l’esempio di Hamilton e ammettesse immediatamente la propria colpevolezza, come ha fatto il campione per quanto riguarda il suo scontro con Albon.

“Non è mai bello quando i compagni di squadra duellano senza esclusione di colpi in una gara, ancora di più quando non lottano per un risultato particolarmente importante come in questo caso, il terzo posto in Brasile è stato il massimo a cui potevano aspirare”. Il britannico ora crede che spetti al caposquadra della Scuderia Mattia Binotto risolvere le cose. “Dopo che le tensioni si sono accese nelle gare dopo la pausa estiva, tutto sembrava essersi calmato nel box della Ferrari”, ha aggiunto.

“Ma ora, Mattia Binotto dovrà affrontare il duro compito di rimettere le cose in pista e in effetti ha detto proprio questo nelle sue interviste dopo la gara. “Se la Ferrari vuole davvero porre fine al dominio di Mercedes, non solo deve fornire ai suoi piloti un’auto più competitiva il prossimo anno, ma deve anche garantire che incidenti come questo non si ripetano più. “La Formula 1 è uno sport di squadra e questo vale soprattutto a Maranello,” ha concluso Ross Brawn.