in

Concessioni autostradali: Luigi Di Maio ribadisce che la revoca è molto vicina

“Chi non ha fatto il suo dovere deve pagare. Chi sbaglia paga, soprattutto se sapeva di dover fare manutenzione”

Autostrade

Oltre al premier Giuseppe Conte, anche Luigi Di Maio, capo politico del Movimento 5 Stelle, è tornato a parlare della revoca delle concessioni autostradali di Aspi. Il nuovo Ministro degli Affari Esteri ha affermato che la revoca è più vicina che mai.

Nello specifico, Di Maio ha detto: “Non molliamo sulla revoca della concessione ai Benetton. Chi non ha fatto il suo dovere deve pagare. Chi sbaglia paga, soprattutto se sapeva di dover fare manutenzione“.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio, capo politico del Movimento 5 Stelle

Concessioni autostradali: il M5S e il PD sono d’accordo sulla revoca

Il capo politico del M5S ha spiegato che l’annullamento delle concessioni autostradali si trova a un passo molto vicino al compimento. Secondo le parole riportate nelle scorse ore da Il Sole 24 Ore, Luigi Di Maio ha dichiarato: “Sono contento che da tutto il Governo ci sia l’ok, e lo sono soprattutto perché è d’accordo anche il PD. Ora quindi siamo tutti d’accordo su una linea che è partita dal M5S. Siamo a tanto così da poter revocare queste concessioni“.

Quanto dichiarato dal Ministro degli Affari Esteri si aggiunge alle parole dette nelle scorse ore dal presidente del consiglio Giuseppe Conte che si è presentato martedì mattina a Genova per l’avvio dei lavori di costruzione del nuovo ponte. Erano presenti anche il Ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli, il sindaco di Genova Marco Bucci, l’architetto Renzo Piano e il governatore ligure Giovanni Toti.

In merito alle concessioni autostradali, Conte ha ribadito: “Il procedimento in corso è per la caducazione della concessione. È un procedimento complesso anche perché acquisisce di volta in volta nuove perizie e i materiali delle inchieste, anche di quella penale. Non faremo sconti ai privati e perseguiremo solo l’interesse pubblico“.