in

Ferrari: il motore V12 continuerà ad esistere

Le rigide leggi sulle emissioni di CO2 e sonore non fermeranno la casa automobilistica modenese

Ferrari V12

Proprio come Lamborghini, Ferrari ha voluto rassicurare i fan confermando nelle scorse ore che il suo V12 non scomparirà ma verrà preservato e, se possibile, migliorato. Tale architettura, infatti, rappresenta uno dei simboli della storia di Maranello poiché usata da tantissime vetture d’epoca e dagli ultimi modelli più potenti come ad esempio la nuova 812 GTS oppure le particolari Monza SP1 e SP2.

Visto che molte case automobilistiche hanno deciso di ridimensionare i propri motori optando per powertrain più piccoli con turbocompressore, molti appassionati del cavallino rampante temevano che la versione spider della 812 Superfast sarebbe arrivata sul mercato con un un propulsore simile, dotato di una cilindrata più bassa.

Ferrari 812 GTS
Ferrari 812 GTS

Ferrari: il propulsore V12 verrà preservato e, se è possibile, migliorato

Tale dichiarazione è stata fatta proprio durante la presentazione della 812 GTS da Michael Hugo Leiters, direttore tecnico della casa automobilistica modenese. Egli ha detto: “Combatteremo per questo motore, abbiamo buone idee per il suo sviluppo. Ora abbiamo regolamenti Euro 6 che ci hanno costretto a mettere un filtro antiparticolato sulla GTS ma oltre a questo ci sono anche regolamentazioni sulle emissioni specifici per paesi come gli Stati Uniti e la Cina”.

Insomma, Ferrari farà del suo meglio per riuscire a salvare il suo V12. A parte le emissioni di anidride carbonica, anche il suo rombo va contro le regole dell’inquinamento acustico. Leiters prosegue dicendo: “Un altro problema è il suono. I regolamenti arrivati ​​un anno e mezzo fa sono molto difficili per noi perché non riguardano solo il livello del rumore ma anche il modo in cui questo viene misurato, che ora è molto più rigoroso. Questo è sicuramente qualcosa che dobbiamo considerare come una sfida per il V12 del futuro”.

Ferrari Monza SP1 e SP2 video
Ferrari Monza SP1 e SP2

Anche se ad un certo punto Ferrari potrebbe restare l’unico marchio automobilistico a voler investire su questa architettura, il direttore tecnico ha precisato che hanno “il potere finanziario e tecnologico di seguire questa strada”.

Il motore V12 da 6.5 litri presente sotto il cofano della Ferrari 812 GTS è in grado di sviluppare una potenza di 121 CV per litro. Si tratta di una potenza davvero alta per un propulsore del genere e ciò si traduce nel massimo raggiungibile. Portare questo powertrain a una potenza maggiore significa compromettere la sua affidabilità.

In merito a ciò, Leiters ha detto: “L’ultima sfida è più interna. Abbiamo raggiunto un livello di potenza specifica che, per un motore ad aspirazione naturale, è enorme. Al momento, nessuno ha bisogno di 800 CV ma tutti lo vogliono, dobbiamo capire come possiamo arricchire il motore e le sue caratteristiche in modo diverso in futuro, ma mostrare ancora progressi”.