in

Charles Leclerc: “Spa-Monza, opportunità da sfruttare”

Il ferrarista non scorda però il ritardo subito in Ungheria

Charles Leclerc

Charles Leclerc è pronto a tirarsi giù la visiera. Oggi, in Belgio, partirà ufficialmente la seconda metà del campionato, sul circuito di Spa-Francorchamps. E il baby fenomeno vuole partire col piede giusto, dopo un inizio promettente. Spesso coinvolto nella bagarre per il primo posto, un po’ demeriti suoi, un po’ le circostanze avverse gli hanno finora negato il gradino più alto del podio.

Attualmente quinto in classifica, confida che la Ferrari ben si comporti a Spa e Monza, i due prossimi appuntamenti, tradizionalmente favorevoli. Le caratteristiche dei due circuiti infondono ottimismo: la SF90 dovrebbe esprimere pienamente il suo potenziale, nata per sfrecciare, velocissima, sui rettilinei, mentre fatica maggiormente nei tratti guidati, a causa della finora irrisolta carenza di carico aerodinamico. Il driver monegasco punta sul riscatto del Cavallino Rampante, ma, allo stesso tempo, tiene la testa ben piantata sulle spalle, ricordando in conferenza stampa il ritardo pagato dalla Rossa in Ungheria di un minuto da Lewis Hamilton, sempre più lanciato verso il suo sesto titolo mondiale.

Charles Leclerc: “Opportunità da sfruttare ma non dimentichiamoci l’Ungheria”

Sulla carta, i prossimi due impegni appaiono sembrano sposare le caratteristiche della monoposto. La pensa così Charles Leclerc, più positivo rispetto a Seb. Il tabù può sicuramente essere infranto: “Abbiamo due opportunità da sfruttare e poi dovremo vedere cosa succederà”. Dunque ricorda come andò all’Hungaroring, non esattamente una gara indimenticabile, a maggior ragione per lui, superato, peraltro, dal compagno di squadra nei giri finali.In Ungheria non è stato affatto facile: non dimentichiamoci che siamo finiti a un minuto da Mercedes e Red Bull. Non credo che sia solo la tipologia della pista che ci potrà far cambiare, ma dovremo lavorare e speriamo di riuscire a sfruttare l’opportunità in una delle due piste”.

Lo scorso anno, il 21enne rischiò grosso nel Gran Premio del Belgio, quando la McLaren di Fernando Alonso, tamponata dalla Renault di Nico Hulkenberg, decollò sulla sua Alfa Romeo-Sauber. Comunque non intende permettere alla paura di prendere il sopravvento e influire sulla gara: sono i rischi del mestiere e l circuito di Spa-Francorchamps, uno dei tracciati più iconici in Formula 1, sortisce l’effetto contrario. Il potenziale lasciato intravedere dall’approdo non cancella il fatto che (proprio come il compagno Vettel) lo 0 alla casella “successi in stagione” bruci.  

Domenica questa si disputerà l’edizione numero 64 del GP, ospitato in 51 occasioni sull’attuale circuito, contro i 10 di Zolder, nella regione fiamminga, e i due di Nivelles, nei pressi della capitale Bruxelles. Secondo il pilota, Spa vanta un altro blasone. E’ una pista mitica nel mondo del motorsport e una delle più belle inserite nel calendario del campionato di Formula 1. È quindi particolarmente piacevole riprendere proprio su questo tracciato l’attività di pista dopo la pausa estiva”.

Charles Leclerc: “Impressionante quanto le monoposto vadano veloci in curva”

Le statistiche indicano diciassette affermazioni ferrarista in Belgio, ultima delle quali giusto dodici mesi fa. Grazie a una partenza fulminea, Vettel prese la prima posizione, chiudendo in trionfo. Sarà una gara elettrizzante: Fa sempre impressione rendersi conto di quale velocità siano in grado di sviluppare in curva le vetture dell’attuale generazione di Formula 1 e credo che su poche piste come questa la percezione sia così chiara. Mi riferisco soprattutto alla esse in salita Eau Rouge: la prima volta che arrivi qui e la guardi ti colpisce per quanto è stretta e ripida”.

“Ebbene – continua Charles Leclerc -, sull’asciutto siamo in condizione di farla in pieno, nonostante la compressione e altri aspetti la rendano particolarmente impegnativa per il fisico, specie nei primi giri. Passaggio dopo passaggio il collo s’adatta, il tuo cervello la assimila e diventa una curva come le altre, da sfruttare in pieno in funzione del resto del giro, ma resta una sequenza unica”.

È fondamentale commettere il minor numero di errori: “Non è il solo che si trova a Spa-Francorchamps, e proprio per questo è importantissimo non sbagliare nulla nei punti chiave per massimizzare la prestazione al primo tentativo in qualifica. Anche perché il giro è particolarmente lungo e doverne abortire uno rischia di farti saltare i calcoli di tempo che hai pianificato”.

Monza, il Tempio della Velocità

Fra una settimana l’Autodromo di Monza, darà il bentornato. Davanti a una cornice tutta rossa il primo hurrà in Ferrari assumerebbe un sapore ancora più dolce. Ma Charles Leclerc ama poco fantasticare, focalizzato sul presente: “Non ci ho pensato, non me la sono immaginata”. Qualcosa però lo scioglie: la calorosa accoglienza riservatagli una stagione fa. “L’unica cosa che mi è venuta in mente è il sostegno che ho sentito a Monza l’anno scorso quando ho corso con l’Alfa Romeo, per cui non posso immaginare quale sarà il supporto che riceverò quest’anno con la Ferrari. Sarà sicuramente qualcosa di molto speciale e spero che si possa conquistare un grande risultato per tutti i tifosi del Cavallino”.

Per come sono andate finora le cose, Charles Leclerc è nel complesso soddisfatto. Ciò non gli impedisce di studiare gli errori commessi:Sono felice della prima parte della stagione 2019, anche se ci sono cose che non mi sono piaciute e credo di averle già sottolineate diverse volte, mettendo in rilievo gli errori commessi. Ma è su quello che devo lavorare”.

Nelle ferie appena concluse ha preferito ricercare la tranquillità: “Se devo essere sincero, in questo periodo di vacanze ho cercato di staccare, cercando di pensare a qualcosa d’altro, per arrivare qui al massimo della concentrazione, nel tentativo di conquistare il migliore risultato possibile”. Infine, sulle recenti prefigurazioni in galleria del vento della monoposto con le regole 2021 dà giudizio positivo: “L’aspetto mi piace, sembra molto bella e aggressiva”.

Le lezioni di Vettel e Hamilton

In questi ultimi giorni Charles Leclerc ha confessato gli insegnamenti appresi da Seb“Prima di tutto ho imparato dalla sua estrema precisione in tutto ciò che fa con la macchina”, spiega. “L’ho notato da subito, fin dalla prima volta in cui l’ho ascoltato durante un briefing dopo la sessione. Sotto questo aspetto, ho ancora da migliorare”. Ma ha guardato anche ai campioni delle altre scuderie, soprattutto al leader supremo negli ultimi anni, Lewis Hamilton. Il ferrarista gli invidia soprattutto “la costanza. La capacità di sapersi esprimere sempre al massimo. La forza mentale”, rivela ai microfoni di Sette, il magazine del Corriere della Sera. “Tutti possono fare un bel giro, la differenza è metterne tanti insieme nei momenti che contano. Mi sto allenando tanto per riuscirci”.

“Da piccolo io e Verstappen non ci salutavamo”

Durante questi primi dodici GP sulla SF90 hanno entusiasmato le battaglie ruota a ruota con Max Verstappen. Un avversario con cui Charles Leclerc è cresciuto praticamente insieme, dagli avvincenti confronti nei kart, quando erano entrambi bambini. Da piccoli neanche ci salutavamo perché confondevamo il pilota con la persona, eravamo immaturi. Adesso non mischiamo più le due cose, per fortuna”. Per quanto riguarda i miti, fonte di ispirazione alla guida, bisogna scavare nel passato. Senna, per il talento. Era un fenomeno”.

Insomma, il baby fenomeno del Cavallino mira all’eccellenza. E, secondo quanto lasciato vedere sin dall’approdo in Formula 1, sembra disporre del talento necessario per realizzare i propri sogni. Un termine per vincere il Mondiale di F1? “Il prima possibile. Devo crescere soprattutto nell’esperienza. Nelle indicazioni che do ai tecnici, e nella comprensione degli assetti della vettura”. Fatica a convivere con gli errori: “Sono duro con me stesso. Non solo quello in Germania dove sono uscito sul bagnato, anche a Baku ho sbagliato io e l’ho sentito tanto. Succede sempre così quando è colpa mia”.

Gli errori da non ripetere

Facendo un paragone tra le gare in Bahrain e Austria, gli brucia di più la prima: “In Austria Max ne aveva di più e io faticavo a tenerlo dietro. In Bahrein è stato un po’ difficile da accettare, ma alla fine siccome corro da quando ho tre anni ho subito voltato pagina. In questo sport viaggi sempre al limite, è normale che si possa rompere un pezzo. Sai che esiste questo rischio, altrimenti stai a casa”. Nel complesso è soddisfatto dell’ambientamento a Maranello: “Faccio fatica a darmi dei voti da solo, ma a essere sincero sono contento. Non era una sfida facile arrivare in un team importante al secondo anno di F1. Ho avuto bisogno di adattarmi all’inizio, ma sono cresciuto in fretta insieme alla squadra. Devo continuare a concentrarmi sui punti deboli e migliorare”.

Le emozioni provate in Ferrari e la famiglia

Sulle emozioni provate nell’approdare in Ferrari: “Non è facile descrivere quello che ho sentito la prima volta. Essere un pilota della Ferrari richiede anche concentrazione, determinazione, dedizione. Con il tempo ti abitui, ma ogni volta che indossi la divisa provi una sensazione speciale. Poi arrivi in pista, entri in una bolla e pensi solo a guidare al meglio”.

Si ricorda “benissimo” della prima volta che ha messo piede a Maranello: Ero con Jules. Lui non era ancora in F1, io giovanissimo lo aspettavo fuori dal cancello della pista di Fiorano. Lo stavano intervistando, io dovevo restare fuori perché non avevo il pass. Fissavo quel cancello nella speranza che un giorno sarei potuto entrare. Adesso lo attraverso spesso”. Come Jules, anche papà è stato un punto di riferimento. Ma anche mamma gli “è molto vicina. Lavora, fa la parrucchiera, e quando può viene alle gare. Non a tutte perché ha un po’ di paura, ma nei momenti importanti non manca mai. Siamo una famiglia unita: Arthur, mio fratello minore, corre in Formula 4; a volte capita di ritrovarci sulle stesse piste e siamo felicissimi. Lorenzo, il più grande, si occupa di finanza”.

Nonostante Montecarlo sia la patria del lusso, Charles Leclerc viene da una famiglia normale. Ed “è davvero difficile” spiegare i sacrifici affrontati per arrivare fin qui. Su Monaco circolano tanti stereotipi, se dici che non ci vivono solo i ricchi non ci crede nessuno. Sono gli stranieri ad avere tanti soldi, non i monegaschi “puri” come me. Mi considero fortunato perché papà poteva permettersi di comprarmi un kart per farmi cominciare, ma non navigavamo nell’oro e andando avanti siamo stati limitati perché l’automobilismo è un sport costoso. Altro colpo di fortuna: ho incontrato Jules che mi ha messo in contatto con Nicolas Todt (il suo attuale manager, figlio dell’ex ferrarista Jean ora presidente della Federazione Internazionale dell’Automobile, ndr )”.

Charles Leclerc: “Binotto è uno tosto quando serve”

Caratterialmente di Charles Leclerc colpisce l’autocontrollo“Non è un dono della natura. Da piccolo era il mio punto debole: ero troppo emotivo e sprecavo energie in cose inutili, ad arrabbiarmi. Ci ho lavorato insieme a degli specialisti e sono migliorato tantissimo”. Anche Mattia Binotto pare un tipo tranquillo, ma ogni tanto si arrabbia. Mattia è uno tosto quando ci vuole, ma è bravo nel gestire le emozioni. Ed è ciò che serve a una squadra. Con lui cosa parlo? Se solo di macchine impazziremmo. Parliamo dei suoi figli, che sono vicini a me per età, e ci sfidiamo a biliardino. Sono partite spettacolari”.