in

Fiat Chrysler tra PSA e Renault: chi la spunterà?

Continuano a moltiplicarsi le voci su una futura alleanza di Fiat Chrysler con Renault o PSA

Fiat Chrysler e Renault

L’amministratore delegato di Fiat Chrysler, Mike Manley, ha recentemente dichiarato di essere ancora interessato a un accordo con la Renault, anche se non ha indicato alcun progresso nella risoluzione dei problemi che hanno sconvolto il piano originale che ha portato John Elkann ad annunciare nei mesi scorsi lo stop alla trattativa.

Il professor Ferdinand Dudenhoeffer del Centro tedesco per la ricerca automobilistica (CAR) dell’Università di Duisberg-Essen si aspetta che FCA faccia un accordo, ma è troppo presto per dire con chi. “Fiat Chrysler ha bisogno di un partner e ne sta cercando uno, ma non ce ne sono molti disponibili. Sì, è probabile che quel potenziale partner sia la Renault, ma la Renault ha molti problemi con Nissan e prima di tutto deve risolverli. Nissan è nei guai e devono riorganizzare la loro alleanza ”, ha dichiarato Dudenhoeffer in un’intervista.

Continuano a moltiplicarsi le voci su una futura alleanza di Fiat Chrysler con Renault o PSA

FCA aveva proposto una fusione con Renault che sarebbe stata al 50/50. La combinazione di Renault e FCA produrrebbe un’azienda con una produzione annua di circa 9 milioni di veicoli e al terzo posto dietro a Volkswagen e Toyota nel panorama mondiale. Compresi i partner dell’alleanza Renault, Nissan e Mitsubishi, la produzione combinata raggiungerebbe quasi i 15 milioni e il primo posto tra i produttori di auto nel mondo.

Alcuni analisti hanno affermato che la Renault deve vendere la sua partecipazione in Nissan affinché una fusione con Fiat Chrysler possa funzionare. Altri hanno affermato che l’accordo originale aveva identificato sinergie di fusione che avrebbero consentito di risparmiare 5,6 miliardi di dollari all’anno e questo è ovviamente un grande incentivo per la conclusione dell’accordo per ambo le parti.

Ma alcuni analisti ritengono che sia più probabile un accordo con PSA, con i suoi marchi Peugeot, Citroen e DS, soprattutto dopo gli ottimi risultati raggiunti con l’acquisizione di Opel Vauxhall, riportato dopo molti anni a fare utili. La banca d’investimento tedesca Nord LB ha dichiarato che PSA ha una maggiore capacità di creare sinergie con FCA rispetto a Renault.

Si diceva che PSA fosse attratta da Fiat Chrysler perché la società francese desiderava aumentare la sua presenza in terra americana in modo da poter far avanzare le sue ambizioni globali. Questo è meno cruciale per la Renault perché la sua alleanza con Nissan ha garantito grandi vendite negli Stati Uniti. Anche il governo francese possiede il 13% del gruppo PSA, ma finora non ha mostrato alcuna tendenza a interferire.

PSA e FCA

Dudenhoeffer ha dichiarato che PSA è probabilmente seriamente intenzionata a concludere un accordo di fusione con FCA. “Immagino che loro (FCA) siano in background e stanno già discutendo con PSA e con il CEO Carlos Tavares. PSA è alla ricerca di un partner, soprattutto per l’ingresso negli Stati Uniti. È una buona idea, ma vedremo ”, ha detto Dudenhoeffer.

“Fiat Chrysler non è un partner facile per la cooperazione, ma l’accordo con GM per Opel e Vauxhall mostra che Tavares è stato in grado di fare il cambiamento. Ma con la Fiat sarà una storia più difficile. Fiat Chrysler è in gravi difficoltà in Europa e l’intera azienda è fortemente dipendente dagli Stati Uniti e dai SUV. Sarà un duro lavoro, ma Tavares può farlo. Tavares sa che è necessario disporre di una società più grande per condividere tutti gli elevati investimenti necessari per essere competitivi in ​​futuro “, ha affermato Dudenhoeffer.