in

Alfa Romeo Giulia e Stelvio richiamate: ecco il motivo

Quasi 22.000 Alfa Romeo Giulia e Stelvio vengono richiamati a causa di indicatori di carburante troppo ottimistici

Quasi 22.000 Alfa Romeo Giulia e Stelvio vengono richiamati a causa di indicatori di carburante troppo ottimistici. I veicoli modello 2018 e 2019 potrebbero avere un modulo di controllo della carrozzeria (BCM) “costruito con software difettoso” che potrebbe comportare letture del livello del carburante che sono superiori a quelle effettivamente presenti nel serbatoio. Il pericolo, ovviamente, è che i conducenti potrebbero rimanere senza carburante e fermarsi, aumentando il rischio di incidenti.

Esistono una serie di circostanze molto specifiche che possono comportare questa lettura errata del carburante. Implica un parcheggio in pendenza di oltre 10 gradi per un certo periodo di tempo (circa 30 minuti) con un serbatoio di carburante riempito tra il 50-75%. Secondo la casa madre di Alfa Romeo, Fiat Chrysler Automobiles, il veicolo potrebbe “pensare di essere passato attraverso un rifornimento di carburante e aggiungere una tacca o due all’indicatore di livello del carburante al riavvio”. Quella lettura sollevata artificialmente continuerà fino alla prossima volta che avrà luogo un vero rifornimento di carburante.

A marzo, 60.000 modelli 2017-2019 di Alfa Romeo Giulia e Stelvio sono stati richiamati per problemi al cruise control adattivo. Secondo l’ avviso della National Safety Traffic Administration , i proprietari di Alfa Romeo Giulia e Stelvio coperti da questo richiamo relativo all’indicatore del livello del carburante saranno avvisati per posta della campagna, con i rivenditori che aggiornano gratuitamente il software del modulo di controllo della carrozzeria per risolvere il problema. FCA afferma che 21.915 veicoli costruiti tra il 5 aprile 2018 e il 29 maggio 2019 potrebbero essere interessati dal problema. Il richiamo dovrebbe iniziare il 13 settembre.