in

Decreto Sicurezza: 400 euro di multa e sequestro dell’auto con targa estera

Lo sfortunato caso di un automobilista di Bari che guidava la vettura tedesca di sua moglie

Targa Germania

400 euro di multa e sequestro della vettura è quanto toccato ad un automobilista di Bari fermato dalla Polizia municipale in seguito a un controllo. Il motivo principale è perché l’uomo era alla guida di una BMW immatricolata in Germania e intestata alla moglie tedesca.

L’automobilista, un insegnate dell’Università, non sapeva che stava violando una norma presente nel Decreto Sicurezza, in vigore da dicembre 2018 che ha apportato modifiche agli articoli 93 e 132 del Codice della Strada.

Polizia municipale
La Polizia municipale sequestra una BMW con targa estera a Bari

Decreto Sicurezza: un’automobilista di Bari beccato dalla Polizia municipale

In particolare, l’articolo 132 si riferisce alla modalità di circolazione in Italia di auto, moto e rimorchi immatricolati in uno Stato estero. Con il Decreto Sicurezza, questa legge è stata modificata e ora prevede il divieto di guida di veicoli con targa straniera per chi ha la residenza in Italia per più di 60 giorni.

Tale normativa è stata introdotta per permettere ai furbetti di non bypassare più il pagamento di tasse e altri oneri previsti nel nostro Paese andando ad immatricolare le vetture all’estero.

Purtroppo, la Pulizia municipale non ci ha pensato due volte ad applicare le sanzioni previste dalla nuova normativa, anche se l’uomo ha provato a dimostrare di aver guidato una vettura estera solo perché appartenente alla moglie tedesca.

La stessa norma, inoltre, prevede un iter burocratico abbastanza complesso e lungo per poter riavere l’auto, prima della possibile confisca che avviene dopo 180 giorni dalla data di emissione del verbale.

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento