in

Fiat: nonostante la crisi in USA c’è ancora chi crede nel marchio italiano

La Fiat – Alfa Romeo di Nyle Maxwell ad Austin in Texas crede ancora nello storico marchio italiano nonostante la crisi di vendite in USA

Fiat

Con vendite mensili che ormai non arrivano a 1.000 in tutti gli Stati Uniti, alcuni rivenditori credono che la storia del marchio Fiat negli Stati Uniti sia già arrivata ai suoi capitoli finali. Ma la Fiat-Alfa Romeo di Nyle Maxwell ad Austin in Texas, non è ancora pronta ad arrendersi. Il concessionario, precedentemente noto come Fiat di Austin, non sta infiammando il mondo vendendo una media di 30 auto al mese. Questo è ben lontano dal periodo d’oro del negozio del 2012, quando era il primo concessionario Fiat nel paese con un fatturato di 972 unità al mese.

Ma il negozio rimane ottimista sul futuro, grazie a una vasta gamma di acquirenti e un impegno sempre più rigoroso con il servizio clienti. Il negozio ha guadagnato il Customer First Award di JD Power per l’eccellenza negli ultimi due trimestri. Il concessionario aprì il suo primo store in un centro commerciale di fascia alta e presentò una passerella in stile sfilata di moda. A quel tempo, Fiat aveva una chiara proposta di valore in quanto i consumatori chiedevano auto che consumassero poco visto l’aumento del costo della benzina.

Il negozio si è trasferito nella sua posizione attuale nel 2014, quando Fiat ha iniziato la sua rapida discesa, appesantita dal calo dei prezzi del gasolio, dai problemi di qualità e dallo spostamento del mercato verso i crossover. Brent Rayfield, che lavora lì dal 2011, vede ancora un futuro per un marchio che, a suo dire, è agli inizi. Il negozio stava già perdendo soldi quando Rayfield divenne socio amministratore nel 2016, quindi si concentrò sulla pubblicità in modo più efficace e mettendo il veicolo “là fuori perché le persone potessero vederlo di persona”, ha detto.

La pubblicità è “al 100% a carico dei concessionari” in questo momento a causa della mancanza di supporto al marketing nazionale da parte di Fiat Chrysler Automobiles. Rayfield ha detto che i concessionari dello storico marchio italiano in USA “hanno bisogno di ricordare ai clienti perché questo marchio è divertente, eccitante, giovane e fico e si impegnano davvero in questo”, e quindi assumono persone che sono eccitate quanto loro. Negli ultimi anni il negozio ha riunito un nuovo team di addetti alle vendite, manager, consulenti e addetti alle riparazioni, ha dichiarato Rayfield, e ha rielaborato i suoi processi di business per essere più efficace.

Rayfield ha confermato che i suoi collaboratori credono nel marchio, con almeno la metà degli stessi che possiede un’auto Fiat. La clientela del negozio spazia dai giovani acquirenti per la prima volta agli anziani. La 124 Spider roadster, basata sulla Mazda MX-5 Miata, ha trovato molti proseliti tra gli uomini sulla cinquantina, ma Rayfield ha detto che altri modelli attirano una varietà di acquirenti. Il negozio sta cercando di raddoppiare quasi la sua media questo mese con un obiettivo di arrivare a quota 60 unità. A partire dal 18 giugno, il negozio aveva già venduto 29 auto questo mese.