in

Jeep Grand Cherokee: prime foto spia della nuova generazione basata sulla piattaforma Giorgio

La prossima ammiraglia di Jeep dovrebbe utilizzare la piattaforma delle Alfa Romeo Giulia e Stelvio

Poco meno di un anno fa, a margine della presentazione del piano industriale di FCA, Sergio Marchionne confermò lo sviluppo della nuova generazione di Jeep Grand Cherokee annunciando, in via ufficiale, che la nuova ammiraglia del marchio americano avrebbe utilizzato una versione modificata della piattaforma Giorgio, la base su cui Alfa Romeo ha sviluppato i suoi modelli di “nuova generazione”, la Giulia e lo Stelvio.

Dalle dichiarazioni di Marchionne del giugno dello scorso anno, il mondo FCA è stato completamente rivoluzionato, a partire dalla prematura ed improvvisa scomparsa del manager. Anche il piano industriale di Marchionne ha subito diverse modifiche con il nuovo amministratore delegato Manley che oggi sta guidando il gruppo attraverso una fase molto complicata. 

La nuova Jeep Grand Cherokee resta comunque nei piani di FCA. La conferma arriva dalle prime foto spia appare online in queste ore che ci mostrano un prototipo, visibilmente ancora molto acerbo, di quella che sarà la nuova ammiraglia del marchio americano che, solo tra USA e Canada, raggiunge ogni anno circa 250 mila unità vendute. 

Al momento, è ancora molto presto per avanzare ipotesi dettagliate sulle caratteristiche del modello. Jeep dovrebbe effettivamente utilizzare una “versione modificata della piattaforma Giorgio” per realizzare la nuova Jeep Grand Cherokee. Non possiamo escludere, al momento, che FCA abbia cambiato le carte in tavola decidendo così di utilizzare una nuova piattaforma per l’ammiraglia del brand americano.

Sul progetto restano, in ogni caso, ancora molti dubbi. Di certo, il nuovo modello verrà costruito a Detroit e sarà parte integrante del massiccio investimento con cui FCA punta a rilanciare la produzione di auto nella “Motor City” americana. Da Detroit, la nuova Grand Cherokee verrà poi esportata in tutti i principali mercati internazionali, Europa compresa.

Jeep Grand Cherokee: la nuova generazione arriverà entro il 2022?

L’attuale piano industriale di Jeep prevede il lancio della Jeep Grand Cherokee (con due file di sediolini, la versione sette posti arriverà dopo) entro il 2022, anno in cui Jeep dovrebbe aver rinnovato la sua gamma con diversi nuovi modelli.

Un’ipotesi, ancora in cerca di conferma, vede un possibile debutto dell’ammiraglia di Jeep per il 2021 con una presentazione del nuovo modello fissata per il prossimo anno, nel corso di uno dei principali eventi fieristici dell’anno per il mercato a stelle e strisce (Detroit, New York o Los Angeles). 

Per l’Europa sarà necessario attendere da 6 ai 12 mesi in più rispetto al mercato nordamericano che, giustamente considerando gli enormi volumi di vendita registrati dal modello, avrà precedenza assoluta su tutti gli altri mercati internazionali.

Al momento, resta da capire se la nuova Grand Cherokee verrà davvero sviluppata partendo dalla base della piattaforma Giorgio in versione “modificata”. La Giorgio, piattaforma a trazione posteriore con possibilità di trazione integrale, si è rivelata un’eccellente base di partenza per le due Alfa Romeo ed è stata sfruttata pochissimo dal gruppo FCA.

Dalla Giorgio sarà sviluppato il nuovo Maserati D-SUV, in arrivo probabilmente nel 2021, e, secondo il piano industriale di FCA, anche la futura Alfa Romeo GTV, una versione coupé della Giulia. Ulteriori dettagli sui modelli che FCA realizzerà partendo dalla piattaforma Giorgio arriveranno, di certo, nel corso delle prossime settimane quando inizieranno ad arrivare anche dettagli più precisi sul progetto della Grand Cherokee.