in

FCA: dal 2020 partirà la produzione a Termoli dei nuovi motori delle city car del gruppo

I nuovi motori saranno anche ibridi

fca termoli motori

In attesa della versione definitiva del “Piano Italia”, il piano industriale per gli stabilimenti italiani del gruppo FCA, in queste ore arrivano importanti conferme sulla produzione dei nuovi motori per le city car del gruppo italiano. A partire dal 2020, infatti, prenderà il via la produzione dei nuovi motori 1.0 e 1.3 nello stabilimento di Termoli, punto di riferimento per la produzione dei motori benzina del gruppo FCA. 

I nuovi motori 1.0 ed 1.3 saranno disponibili in versione turbo, aspirata ed anche in versione ibrida e rappresenteranno la base della gamma di motorizzazioni delle future city car del gruppo FCA a partire dalle Fiat 500 e Panda (compresa la versione mild hybrid) e sino ad arrivare alla Lancia Ypsilon, la cui produzione dovrebbe continuare ancora per alcuni anni grazie agli ottimi risultati di vendita ottenuti in Italia. 

In questi giorni, alcuni team leader e capi area dello stabilimento di Termoli si sono recati a Torino per iniziare i corsi di formazione propedeutici all’avvio della produzione dei nuovi motori. Nel giro di un anno le linee produttive di Termoli saranno pronte per dare il via all’assemblaggio dei nuovi motori che, quindi, dovrebbero essere disponibili sul mercato a partire dalla primavera del 2020. 

fca termoli motori

Nel corso del secondo semestre dell’anno in corso potrebbe esserci un deciso rallentamento della produzione di motori a Termoli al fine di permettere all’azienda di intervenire sullo stabilimento, procedendo con una serie di interventi tecnici di aggiornamento delle linee che saranno essenziali per poter effettuare il salto in avanti generazione. 

Di certo, a partire dal 2020 per Termoli, e tutto l’indotto, inizierà una vera e propria nuova era. I motori destinati alle city car del gruppo FCA verranno prodotti con elevati volumi e, quindi, dovrebbero essere in grado di coprire buona parte delle capacità produttive dello stabilimento. 

E’ importante sottolineare che, almeno per il momento, Termoli è l’unico stabilimento di produzione di motori che può contare su di un futuro certo all’interno del gruppo FCA. Come abbiamo visto nei giorni scorsi, infatti, i siti di Cento e Pratola Serra, dove vengono prodotti i motori diesel, non possono ancora contare su di un vero e proprio piano industriale e, come confermato da diverse fonti sindacali, FCA non dovrebbe avere in programma alcun intervento di riconversione. 

L’arrivo delle nuove varianti ibride di vari modelli dei marchi di FCA, oltre alla crisi del diesel in Europa, rappresentano un grosso problema per i due stabilimenti del gruppo che, a differenza di Termoli, hanno davanti a loro un futuro da decifrare. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti relativi agli stabilimenti italiani del gruppo FCA ed ai progetti che il gruppo avvierà alla produzione nel corso dei prossimi mesi. 

Fonte