in

FCA: a febbraio torna la cassa integrazione a Termoli

Continua il difficile momento degli stabilimenti italiani del gruppo FCA

Continuano le difficoltà per gli stabilimenti italiani del gruppo FCA. In attesa del nuovo piano industriale, ovvero della versione revisionata del “Piano Italia” annunciato a novembre e finito in revisione a causa dell’introduzione dell’Ecotassa, gli stabilimenti FCA del nostro Paese stanno attraversando un momento davvero complicato, certificato dal calo della produzione nel 2018 e dal continuo ricorso alla cassa integrazione.

Come comunicato da fonti sindacali in queste ore, anche lo stabilimento di Termoli, sede di produzione di motori e cambi del gruppo, tornerà in cassa integrazione a febbraio dopo aver già registrato diversi stop alla produzione nel corso degli ultimi mesi. Le linee di produzione del cambio C520 si fermeranno dal 19 febbraio al 2 marzo mentre la linea del motore v16 si fermerà dal 25 febbraio al 2 marzo. 

La causa della sospensione indicata dall’azienda è sempre la stessa. Lo stop alla produzione è legato alla “temporanea contrazione delle attività” legata alla “transitoria situazione del mercato”. In sostanza, i modelli FCA ed i relativi componenti raggiungono volumi di vendita ben al di sotto di quelli che servirebbero per colmare le possibilità produttive degli stabilimenti italiani del gruppo. 

A differenza dei siti di produzione di Pratola Serra e Cento, che devono fare i conti con la crisi del diesel che potrebbe portare alla chiusura completa degli stabilimenti nel lungo periodo, a Termoli la situazione è meno disastrosa in quanto la produzione dei motori benzina, anche in vista delle future varianti ibride, continuerà e, con l’arrivo dei nuovi modelli previsti dal “Piano Italia”, potrebbe tornare a crescere. 

Segnaliamo, inoltre, che nel corso del mese di febbraio verranno stabilizzati 16 contratti a termine che passeranno a tempo indeterminato. Una piccola buona notizia in un contesto che, per ora, è da ritenersi tutt’altro che positivo. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti. 

Fonte