in

Fiat Chrysler: Pietro Gorlier spiega il crollo delle vendite di ottobre

Fiat Chrysler Automobiles supera Ford USA

Secondo il numero uno di Fiat Chrysler Automobiles nell’area EMEA, Pietro Gorlier, la causa del crollo delle vendite del gruppo italo americano ad ottobre è ancora una volta delle nuove normative antinquinamento WLTP. FCA ha visto calare del 16% ad ottobre le sue vendite in Italia. Lo Chief Operating Officer per la Regione Emea di FCA ha però messo in evidenza come nonostante il calo del suo gruppo che è peggiore di quello del mercato nel suo complesso, è migliorata la qualità delle vendite della sua società. Questa infatti è cresciuta molto nelle vendite più remunerative come quelle ai privati, flotte e noleggio a lungo termine. 

Fiat Chrysler: Pietro Gorlier spiega a cosa è dovuto il calo che il suo gruppo ha subito nelle vendite di ottobre

Inoltre il numero uno di Fiat Chrysler in EMEA ha pure sottolineato come aumentino le vendite di auto premium grazie in particolare alla crescita inarrestabile del brand Jeep. La casa automobilistica americana ha conquistato nei primi 10 mesi dell’anno una quota di mercato del 4,3 per cento in Italia. Volano le vendite di Renegade che cresce di oltre il 10 per cento e di Compass che ad ottobre ha immatricolato da sola oltre 2.300 unità. Per Pietro Gorlier dunque il calo accusato a settembre e ottobre dal suo gruppo non deve preoccupare. Presto il periodo negativo verrà superato dalla società del numero uno Mike Manley. 

Fiat Chrysler Automobiles sindacati aiuto Pietro Gorlier
Pietro Gorlier, nuovo capo area EMEA in FCA