in

FCA non ha più bisogno di partner dopo la cessione di Magneti Marelli secondo Manley

mike manley fca

La conference call tenuta dall’amministratore delegato di FCA Mike Manley a seguito della pubblicazione dei dati finanziari del gruppo per il terzo trimestre del 2018 fa segnare un deciso cambio di rotta rispetto al passato. Manley ha, infatti, evidenziato che il gruppo non ha bisogno di partner o alleanze per portare a termine il suo piano industriale quinquennale. 

Le parole di Manley sono chiare: “Dopo la cessione di Magneti Marelli siamo in una posizione finanziaria molto più forte che in passato e siamo fiduciosi nelle iniziative industriali contenute nel nostro piano quinquennale. Penso che il nostro obiettivo principale sia quello di eseguire il piano restando indipendenti”. 

Ricordiamo che la cessione di Magneti Marelli ha fruttato al gruppo FCA ben 6.2 miliardi di Euro ed ha permesso anche la realizzazione di un dividendo straordinario di 2 miliardi di Euro che andrà a sommarsi al dividendo ordinario in arrivo per gli azionisti del gruppo la prossima primavera.

Dopo anni alla ricerca di un partner con cui costruire un’alleanza solida per una forte crescita futura, il gruppo FCA abbandona in modo definitivo uno dei principali obiettivi mai realizzati da Sergio Marchionne. Le risorse derivanti dalla cessione di Magneti Marelli potrebbero, quindi, garantire al gruppo la possibilità di effettuare gli investimenti necessari per portare a termine gli ambiziosi obiettivi fissati dal nuovo piano industriale presentato, lo scorso giugno, da Marchionne in una delle sue ultime apparizioni pubbliche.

Il cambio di rotta annunciato da Mike Manley è, probabilmente, una delle notizie più interessanti della giornata segnata dall’ufficializzazione dei risultati di una trimestrale di transizione (termine utilizzato in diverse occasioni sia da Manley durante la conference call che dal comunicato ufficiale di FCA).

Sarà molto interessante, a questo punto, capire se la cessione di Magneti Marelli permetterà al gruppo di accelerare i tempi e completare la gamma di Alfa Romeo e Maserati andando, nello stesso tempo, ad ultimare l’offerta di Jeep e risolvere i problemi, concentrati in modo particolare sulla distribuzione, che l’azienda sta riscontrando in Cina, un mercato chiave per il futuro.

Sul tavolo restano, quindi, tanti progetti da portare avanti oltre alla consapevolezza che, almeno per i prossimi anni, difficilmente si tornerà a parlare della ricerca di un partner per dar vita ad una futura alleanza con FCA. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti legati alle dichiarazioni che Manley e gli altri dirigenti del gruppo stanno rilasciando in queste ore.

Fonte

Written by Davide Raia

Appassionato di tecnologia e motori da sempre, editor e blogger, scrivo sul web da più di dieci anni. Ho collaborato con diverse testate online, occupandomi di temi differenti ma senza mai abbandonare il mondo dei motori ed, in particolare, il settore auto che ormai seguo quotidianamente con l’obiettivo di scoprire news e curiosità su tutti i nuovi modelli in arrivo. Nel tempo libero leggo, monto e smonto PC e cambio smartphone con troppa frequenza. Prossimo obiettivo: acquistare un’auto elettrica.