in

Alfa Romeo: lo stabilimento di Cassino teme i dazi di Donald Trump

Il consigliere della regione Lazio chiede al governo di intervenire sui possibili dazi per le auto europee importante negli USA

Alfa Romeo stabilimento Cassino dazi

Donald Trump vorrebbe applicare dei dazi al 25% su tutte le auto commercializzate negli Stati Uniti che provengono dall’Europa. Questa cosa sta spaventando parecchio lo stabilimento di Cassino dove vengono prodotte attualmente le Alfa Romeo Giulia e Stelvio vendute in USA. L’aumento dei prezzi nel mercato statunitense potrebbe causare un calo della produzione nella fabbrica ciociara di Fiat Chrysler Automobiles se il presidente degli States decidesse di attuare questa cosa.

Pasquale Ciacciarelli, presidente della V Commissione Cultura, Spettacolo, Sport e Turismo della regione Lazio e consigliere regionale, ha chiesto aiuto al governo di intervenire tutelando la produzione italiana delle auto, e in particolare quella di FCA, negli Stati Uniti. Vi ricordiamo che quello statunitense è uno dei mercati più importanti per il gruppo automobilistico italo-americano.

Alfa Romeo stabilimento Cassino dazi

Alfa Romeo: i dazi di Trump fanno paura alla fabbrica FCA di Cassino

Ciacciarelli sostiene che il governo deve assolutamente prendere provvedimenti per evitare che il sito di Cassino possa avere un calo della produzione in futuro. Tale fenomeno potrebbe creare solo disoccupazione. La cattiva notizia arriva dopo quella ottima in cui Alfa Romeo sta facendo molto bene negli States. Basti pensare che il Biscione ha chiuso luglio superando addirittura Jaguar in termini di vendite.

Il consigliere generale spera anche che il nuovo piano industriale di Alfa Romeo possa portare la produzione di una nuova vettura nella fabbrica FCA di Cassino. In base alle ultime indiscrezioni trapelate sul Web, la produzione di un nuovo veicolo potrebbe partire l’estate prossima proprio nel sito ciociaro. La cosa più interessante è che la vettura disporrebbe di un motore ibrido.

A questo punto non ci resta che attendere i prossimi giorni e scoprire se la richiesta di aiuto verrà accolta dal governo oppure no.