in

Mattia Binotto: ecco quale è stato il suo compito più difficile alla Ferrari

Binotto ha spiegato che dire a Vettel che la Ferrari non gli avrebbe rinnovato il contratto è stato il momento più difficile della sua carriera

Vettel Binotto 1

Mattia Binotto ha rivelato quello che finora è stato il compito più difficile della sua carriera: dire a Sebastian Vettel che il suo tempo alla Scuderia Ferrari era finito. Il losannese ha assunto la guida della squadra italiana nel 2019. Una stagione in cui Charles Leclerc è arrivato alla Ferrari e ha battuto Sebastian Vettel di 24 punti.

Binotto: dire addio a Vettel il momento più difficile della mia carriera alla Ferrari

La stagione successiva, dopo il ‘pasticcio’ australiano dovuto alla pandemia, è stata strana. Prima che le auto iniziassero a circolare in Austria, dalla Ferrari hanno annunciato che Vettel non avrebbe rinnovato per il 2021 ed è arrivata anche la firma di Carlos Sainz. Ora Mattia Binotto, che alla fine di quest’anno si dimetterà da capo della Ferrari , ha rivelato quanto sia stato difficile per lui dire addio a Vettel.

“e’ stato difficile per me dirgli che non avremmo rinnovato il suo contratto”, ha detto Mattia Binotto, secondo il sito ufficiale della Formula 1. ” Forse è stato il compito più difficile che ho avuto in tutta la mia carriera. Quando ami una persona così e ti piace lavorare con lui, è sempre difficile arrivare alla fine”, ha aggiunto. Certo, Mattia ha voluto sottolineare anche che questa situazione lo ha rafforzato come capo in vista del futuro.

“Penso che sia stato anche un momento importante per la mia carriera, perché da lì, attraverso le difficoltà, si diventa più forti. Ma la ricorderò come la mia più difficile decisione”, ha aggiunto. Per quanto riguarda la tappa di Vettel alla Ferrari, Binotto ha chiarito che, non aver raggiunto l’obiettivo – il titolo – è stato un fallimento… ma un fallimento per tutti noi come squadra.

Mattia Binotto con Charles Leclerc e Sebastian Vettel
Mattia Binotto con Charles Leclerc e Sebastian Vettel

“Quando è arrivato alla Ferrari era ambizioso. Il suo obiettivo era vincere il titolo con la Ferrari, e questo era anche il nostro obiettivo. È stato un fallimento per lui, ma è stato un fallimento per tutti noi come squadra. Era molto vicino. Il più vicino è stato nel 2017 e nel 2018. Abbiamo avuto alcune opportunità e non le abbiamo ottenute. Quando il tuo obiettivo finale è il titolo e non lo ottieni, è un fallimento”, Mattia Binotto ha espresso per concludere.

Ti potrebbe interessare: Mick Schumacher non è più un pilota della Ferrari Academy

Looks like you have blocked notifications!