in

Stellantis fa fiorire Goiana grazie al suo stabilimento

Stellantis: con il suo stabilimento fa fiorire Goiana dove aumenta l’occupazione anche grazie all’indotto

Stellantis stabilimento Goiana

Lo stabilimento Stellantis di Goiana nasce come uno dei più moderni al mondo, frutto di un investimento di 7 miliardi di R$. Per questa fabbrica è previsto un ciclo di altri 7,5 miliardi di R$ di investimenti fino al 2025. I contributi si riflettono come agenti di trasformazione nella regione.

Stellantis: con il suo stabilimento fa fiorire Goiana dove aumenta l’occupazione anche grazie all’indotto

Secondo i dati consolidati dalla società di consulenza Ceplan di Recife, dall’installazione dell’unità, i posti di lavoro diretti e indiretti generati sono cresciuti, in media, del 5,6% all’anno, passando da 10,1 mila a 14,8 mila persone dal 2015 al 2022.

Solo nel complesso adiacente allo stabilimento sono installati 16 fornitori, che formano una base di 34 aziende della filiera dei ricambi auto nello stato, di cui almeno sei emerse negli ultimi quattro anni. L’obiettivo di Stellantis, tuttavia, è portarne altri 15 entro il 2025.

La più recente è stata Yazaki, che ha aperto un negozio a Bonito, nella regione dell’Agreste centrale del Pernambuco, alla fine dello scorso anno per la fornitura di cablaggi elettrici. L’azienda impiega già più di un terzo dei posti di lavoro locali in una città con una popolazione stimata di 38.000 abitanti, di cui solo il 7% è classificato come occupato dall’IBGE.

L’impatto della forza trainante messa in moto da Stellantis diventa più evidente con l’evoluzione della partecipazione della regione di Goiana all’economia dello stato. Nel 2015 il comune rappresentava il 2,5% del PIL statale e, nel 2019 (ultimo dato disponibile dall’IBGE) ha contribuito con il 5,2%, per un totale di 10,2 miliardi di R$. Il risultato ha posizionato la città come la quarta più grande nella produzione di beni e servizi a Pernambuco.

Nata per essere ad alte prestazioni, la fabbrica di Pernambuco attualmente produce quattro modelli (Fiat Toro, Jeep Renegade, Jeep Compass e Jeep Comander) in un’unica linea su tre turni dal 2018. L’unità è in grado di produrre 48 auto all’ora da un catalogo composto di 57 versioni. La sola area carrozzeria, la più automatizzata del reparto, conta 600 robot.

“La logistica è la sfida più grande per lo stabilimento”, osserva Mateus Marchioro, plant manager del Polo Automotivo de Goiana. “Abbiamo 350 famiglie di materiali e 60 percorsi di approvvigionamento per linee in pezzi sequenziati, che coinvolgono 650 professionisti”.

Per mantenere l’operazione oliata e a prova di errore, ancora una volta le persone sono una parte fondamentale del processo. “Tra i 50 stabilimenti del gruppo, Goiana ha il secondo miglior costo di trasformazione e l’obiettivo è mantenerlo con i più moderni del gruppo”, rivela Marchioro. “Per questo, c’è un ecosistema di innovazione che sviluppa progetti per diventare standard in fabbrica”.

Stellantis stabilimento Goiana

Le iniziative di formazione e ricerca in collaborazione con l’accademia migliorano continuamente il funzionamento della fabbrica. Uno dei progetti, ad esempio, utilizza la tecnologia 5G – la prima applicazione industriale in America Latina – per aumentare il controllo della qualità. In poche parole, l’idea era quella di catturare l’immagine dei 97 emblemi utilizzati per insegnare all’attrezzatura a identificarli ed evitare così perdite.

Su un altro fronte, il team della carrozzeria ha analizzato i dati per portare alla catena di montaggio informazioni precedentemente oscure. Il lavoro ha rilevato micro interruzioni nel processo di saldatura che hanno avuto un impatto a lungo termine. Nell’affrontare il problema, il team ha sviluppato uno strumento in grado di misurare la velocità di lavoro, individuando e correggendo eventuali scostamenti. Il risultato è stato un guadagno di sei minuti e tempi e costi di manutenzione ridotti.

Ti potrebbe interessare: General Motors e Stellantis tra le peggiori case automobilistiche in termini di risparmio di carburante ed emissioni per l’EPA

Looks like you have blocked notifications!