in

Stellantis fa utili in India grazie a Jeep ma Citroen è ancora in rosso

Stellantis logo

Stellantis nelle scorse ore ha confermato che la sua divisione indiana presente nel paese con i marchi Jeep e Citroen fa già utili. Tuttavia mentre la casa automobilistica americana  è redditizia altrettanto non si può dire per il momento per quanto riguarda il marchio transalpino che per il momento in quel paese presenta conti in rosso.

Stellantis in attivo in India grazie a Jeep ma Citroen ancora non decolla

E’ stato il numero uno di Stellantis in India Roland Bouchara a confermare che nel 2021 il gruppo automobilistico ha già raggiunto la redditività e la stessa cosa accadrà anche nel 2022. Si tratta di una notizia importante come sottolinea il dirigente dell’azienda. Infatti per poter investire in nuove tecnologie e nuovi modelli è fondamentale che una casa automobilistica sia già redditizia. Comunque in casa Stellantis c’è grande ottimismo anche a proposito di Citroen. Bouchara pensa che molto preso anche il marchio francese si unirà a Jeep diventando un marchio redditizio in India.

Stellantis Logo
Stellantis: In India nel 2021 il gruppo automobilistico ha già fatto utili grazie al marchio Jeep che va molto bene, ancora in rosso Citroen

Secondo Bouchara grazie ai nuovi modelli ed in particolare alla Citroen e-C3 la casa francese ha enormi margini di crescita in India che rimane un mercato che a differenza di Europa e Stati Uniti la crescita dovrebbe essere importante anche nei prossimi anni, nonostante le enormi tensioni che si registrano a livello internazionale.

Ricordiamo infine che nei giorni scorsi il numero uno di Stellantis a livello globale, il CEO Carlos Tavares, aveva anticipato che in futuro la sua azienda sta pensando di produrre auto elettriche a basso costo in India per la loro esportazione in tutto il mondo. Vedremo dunque nei prossimi mesi che novità arriveranno dall’India per il gruppo automobilistico.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: il gruppo automobilistico nato dalla fusione di FCA e PSS sviluppa un nuovo modello di distribuzione in Europa

Looks like you have blocked notifications!