in

Palmer: Ferrari non sa gestire strategie di gara dinamiche come la Red Bull

Jolyon Palmer pensa che la Ferrari manchi di fluidità e flessibilità nelle strategie di gara

Ferrari F1-75

Jolyon Palmer crede che il reparto strategia della Ferrari vada in pezzi una volta che una situazione di gara richiede fluidità o flessibilità. Palmer ha detto ciò in seguito alle disastrose scelte strategiche della Scuderia durante il Gran Premio d’Ungheria, che ha visto Charles Leclerc finire al sesto posto dopo essere partito dalla prima fila della griglia.

Jolyon Palmer crede che la Ferrari non sia capace di gestire strategie dinamiche in gara

A peggiorare ulteriormente la situazione è stato il fatto che la Red Bull ha recuperato dalla decima posizione in griglia, con Max Verstappen che è arrivato alla vittoria, principalmente grazie alle corrette decisioni strategiche della sua squadra. La Ferrari con la sua strategia ha guadagnato molte critiche, con Palmer che ha sottolineato come la Scuderia sembri essere l’esatto opposto di Red Bull e Mercedes in termini di forza strategica.

“Quando la strategia è semplice, la Ferrari può gestirla”, ha scritto nella sua colonna per il sito ufficiale di Formula 1. “Ma in una situazione di gara dinamica come è stato il Gran Premio d’Ungheria, sembravano avere problemi e hanno perso punti a favore di Red Bull e Mercedes. Ancora una volta, la Ferrari può incolpare la loro strategia per non aver raccolto risultati migliori di un semplice quarto e sesto a Budapest. Quasi inspiegabilmente, Leclerc è finito dietro a entrambe le Red Bull che partivano 10° e 11°”.

Palmer ha detto che l’errore commesso dalla Ferrari è stato nell’uso della mescola delle gomme dure. “Chiaramente, le gomme dure dovevano essere evitate per chiunque non avesse previsto una sola fermata”, ha detto.

“Se Leclerc avesse ceduto la posizione in pista e avesse optato per la strategia Sainz o Hamilton di correre con le soft in ritardo, probabilmente avrebbe vinto la gara, o almeno avrebbe lottato per la vittoria. È stata un’altra vittoria di gara che è sfuggita al pilota monegasco e sono sicuro che stia cercando una spiegazione in vista della pausa estiva.”

Mattia Binotto con Charles Leclerc e Carlos Sainz
Mattia Binotto con Charles Leclerc e Carlos Sainz

“Tutto significa che ci dirigiamo verso la chiusura estiva con Verstappen e Red Bull che si allontanano e la Ferrari che guarda alle sue spalle la Mercedes che si avvicina velocemente, una situazione a cui chiunque avrebbe faticato a credere dopo l’inizio di questa stagione”.

Ti potrebbe interessare: Ferrari: presto saranno introdotti gli ordini di scuderia