in

Mercato auto Italia: luglio in leggera ripresa

Pur chiudendo con segno negativo, il mercato auto in Italia segna un lieve progresso nel mese di luglio rispetto ai mesi scorsi.

Prima auto acquisto

Qualche timido segnale di ripresa si scorge nel mercato auto di luglio, comunque non sufficiente a nascondere le criticità che attanagliano l’industria. Stando alle rilevazioni condivise dal ministero dei Trasporti, le immatricolazioni sono risultate pari a 109.580, ovvero lo 0,8 per cento in meno rispetto a dodici mesi fa. La flessione risulta ben più contenuta in confronto al meno 15 per cento dei due mesi precedenti. Ma preoccupa il 20,3 per cento dei primi sette mesi dell’anno in confronto allo stesso periodo del 2021 e del 36 per cento se rapportati con i livelli pre-pandemici del 2019.

Mercato auto Italia: Stellantis e Volkswagen accomunate da un andamento altalenante. Fiat Panda ha sempre due marce in più su tutte

Auto usate fattori acquisto

Stellantis ha immatricolato 36.898 auto per quanto riguarda il mercato auto di luglio, scesa del 3,2 per cento rispetto allo scorso anno. Per la maggior parte dei brand si registra un segno positivo: più 94,4 per cento per la Maserati (311 targhe), più 53,7 per cento per l’Alfa Romeo (1.446), più 49,8 per cento per la Citroen (5.116), più 11,2 per cento per la Opel (3.615) e più 8,9 per cento per la DS (430). Riportano, invece, una contrazione quattro marchi: meno 32,2 per cento per la Jeep (4.124), meno 14,8 per cento per la Peugeot (5.256), meno 6,9 per cento per la Fiat (15.300) e meno 1,3 per cento per la Lancia (3.100).

Acquisto auto online

Contrastanti lo è stato pure il Gruppo Volkswagen: le immatricolazioni complessive ammontano a 19.219, per un calo del 2,73 per cento. I francesi di Renault mandano in archivio il settimo mese dell’anno con una crescita del 12,1 per cento e 11.288 registrazioni. Perde l’1,9 per cento la Ford (5.536 unità) e il 18,7 per cento il gruppo BMW (4.406). In discesa del 3,5 per cento la Mercedes-Benz (4.141 auto vendute). Balza del 20,8 per cento il gruppo Toyota (8.261), mentre peggiorano le coreane Hyundai (meno 4,1 per cento, 3.560 immatricolazioni) e Kia (meno 2,4 per cento, 3.442). Delle realtà premium la Volvo ha una flessione del 7,4 per cento (1.287 targhe) e il gruppo Jaguar Land Rover ha un crollo del 19,9 per cento (1.017).

Dei modelli best seller la prima della classe resta la Fiat Panda, con 7.146 unità, seguita a debita distanza dalla Fiat 500 (3.357 registrazioni) e dalla Volkswagen T-Roc (3.351). La top 10 è completata nell’ordine da Citroën C3 (3.256), Lancia Ypsilon (3.099), Fiat 500X (2.831), Peugeot 208 (2.662), Jeep Renegade (2.600), Dacia Sandero (2.550) e Renault Captur (2.402 targhe).