in

Fiat Cronos 1.8 si ferma: la sostituirà una nuova versione

La Fiat Cronos 1.8 esce di produzione. Al suo posto la Casa automobilistica italiana costruirà sempre a Cordoba, una nuova versione.

Fiat Cronos

Fiat ha smesso di produrre la Cronos con un motore 1.8 16v 130 CV e 182 Nm in Argentina. Il marchio ha inviato una lettera al proprio pubblico comunicando che sarà sostituito da un’unità con cambio automatico Drive 1.3 8v da 99 CV, 127 Nm e CVT.

Fiat Cronos: esce l’1.8, entra l’1.3 Drive CVT

Fiat logo

La lettera inviata da Fiat Plan fornisce tutte le informazioni in merito. FCA Automóbiles Argentina S.A. ha annunciato l’interruzione nella commercializzazione del modello Cronos Precision 1.8 16V. Sempre riferendosi a essa con il nome del gruppo prima della creazione di Stellantis, la società diffonde ulteriori dettagli.

Secondo la stessa missiva, il prezzo del nuovo modello è leggermente inferiore (-1,55%) rispetto a quello che va a sostituire e la quota non è cambiata a causa della scelta strategica. Anche l’equipaggiamento della futura Fiat Cronos 1.3 Drive CVT (il cui lancio avverrà nel mese di luglio in Argentina) è descritto nei minimi particolari.

Tra i punti salienti ci sono i fendinebbia, i cerchi in lega da 15″, l’allarme perimetrale, la retrocamera e i sensori posteriori, il touch screen da 7″ con compatibilità per Android Auto e Apple Carplay, il climatizzatore, il computer (con display da 3,5 pollici), il cruise control, quattro finestrini e specchietti elettrici, oltre a due airbag, ISOFIX, ESP, TC e il sistema di monitoraggio della pressione degli pneumatici.

Insomma, chi deciderà di ordinarla noterà dei tangibili miglioramenti in confronto al passato. Con l’evoluzione tecnologica che tiene continuamente piede, la decisione dell’icona torinese è di rimanere al passo coi tempi, senza pagare alcuna forma di arretratezza in confronto alle concorrenti più agguerrite.

Fiat logo

Oltre al cambio motore e alla trasmissione, rispetto alla Fiat Cronos Precision 1.8 16v, il nuovo Drive 1.3 CVT porta dunque dei benefici aggiuntivi.

L’obiettivo, come ovvio che sia, è di mantenere l’appeal di mercato e, perché no, conquistare nuove quote. I Paesi del Sud America incidono molto nelle politiche del Lingotto. Bisognerà, pertanto, vedere se il provvedimento dei piani alti del marchio si rivelerà corretto e quali influenze avrà in termini percentuali sui numeri delle immatricolazioni. Le qualità del veicolo hanno già riscosso apprezzamenti in passato e la volontà di insistere certifica la fiducia riposta in esso.