in

F1, Binotto: “Distinguiamo ambizioni e obiettivi”

Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, raffredda i facili entusiasmi: occorre fare un distinguo tra ambizioni e obiettivi.

Mattia Binotto

Ancora una volta Charles Leclerc ha battuto tutti in qualifica. Al GP dell’Azerbaijan il pilota monegasco ha messo a segno un tempo formidabile e così domani partirà dalla prima posizione della griglia. Dietro di lui Perez, Verstappen e Sainz, il quale aveva inizialmente realizzato il miglior giro in Q3. Una prova di forza importante da parte della scuderia di Maranello, reduce da qualche errore di troppo negli ultimi appuntamenti. Ai microfoni, il team principal Mattia Binotto ha rilasciato delle dichiarazioni circa gli obiettivi della squadra, ponendo un freno alle pretese dei tifosi.

Formula 1, Binotto sull’avvio di stagione e i propositi della Ferrari

Mattia Binotto

In vista del GP dell’Azerbaijan di Baku, Mattia Binotto si è espresso sulle ambizioni iridate dei propri piloti. Senza dubbio oggi – ha commentato – guardando la classifica dopo sette gare, l’ambizione di ogni singolo elemento della compagine è elevata. Puntano in alto e questa sete di vittorie li motiva a dare il meglio senza mai togliere il piede dall’acceleratore. Nessuno si tira indietro, ma – ha poi aggiunto – vanno distinti gli obiettivi dalle ambizioni.

Se guardano all’ambizione non si accontentano nemmeno di vincere un titolo iridato, li vogliono entrambi, piloti e costruttori. E così l’anno prossimo, e così via – ha spiegato Binotto a Sky Sport F1 -. Poi, però, bisogna effettuare una riflessione su quale siano i propositi concreti. In realtà, vengono da stagioni travagliate, per questo inizialmente si sono prefissati di tornare ad essere competitivi. Ciò non vuol dire esserlo alla prima gara per poi perdere terreno sulle rivali.

Team principal Ferrari

L’intento è di mantenere una continuità di rendimento nel corso dell’intero campionato, di andare avanti a sviluppare, distinguersi in senso positivo e avere la possibilità di aggiudicarsi qualsiasi Grand Prix. Poi, una volta conclusi gli impegni, tireranno le somme. Comunque, Binotto è convinto che un giudizio onesto debba prendere in esame l’obiettivo preso nel 2021.

Nessuno mai avrebbe scommesso sulla capacità della Ferrari di essere competitivi al via della stagione in corso e di ciò ne va orgoglioso. Una brillante performance a Baku è ciò che si augurano i supporter della Rossa, per tenere quantomai vivo il sogno Mondiale.