in

Zhou: il cinese è costato fino ad ora il quarto posto ad Alfa Romeo

Nonostante i miglioramenti della monoposto di Alfa Romeo, Zhou non è sembrato fino ad ora in grado di approfittarne

Guanyu Zhou

Alfa Romeo ha iniziato alla grande la stagione 2022 di Formula 1. La squadra del Biscione è quinta nella classifica costruttori con 39 punti, ma sarebbe potuta stare più in alto se avesse ottenuto punti con entrambi i suoi piloti. Tuttavia, Guanyu Zhou non sembra essere ancora in grado di sfruttare il buon inizio del suo team.

Zhou: nonostante i miglioramenti della C42 il cinese non ne approfitta e costa il quarto posto ad Alfa Romeo

Prima del via della stagione Alfa Romeo avrebbe probabilmente messo la firma sul quinto posto in classifica costruttori che sta ottenendo attualmente. Negli ultimi anni, il team di Frederic Vasseur si è accomodato spesso nelle retrovie, con un nono posto tra i costruttori lo scorso anno. Le nuove regole hanno fatto registrare alla squadra un grande miglioramento.

La nuova C42 del team è nota per essere particolarmente leggera. Secondo gli addetti ai lavori, l’Alfa Romeo è l’auto più leggera in griglia. Laddove altre squadre lottano con il sovrappeso, la squadra di Hinwil ha seguito una dieta rigorosa durante l’inverno. Questo sta dando i suoi frutti, perché nelle prime sei gare, la squadra non ha ottenuto punti solo una volta, in Arabia Saudita. I punti sono stati ottenuti in tutte le altre gare, ma principalmente da Valtteri Bottas.

Zhou ha iniziato la sua stagione in modo eccellente, ottenendo un punto al suo debutto in F1 proprio come Yuki Tsunoda. Sicuramente è stato in qualche modo aiutato dai ritiri di Max Verstappen e Sergio Perez, ma comunque si è fatto trovare pronto ad approfittare della situazione. Dopodiché, Zhou non è stato in grado di dare seguito alla sua partenza forte.

Per due volte è arrivato undicesimo. In Arabia Saudita e in Australia, non è stato abbastanza veloce per ottenere un punto. A Imola Zhou ha perso una buona occasione per arrivare in zona punti uscendo fuori nella gara sprint, dopo di che ha avuto sfortuna a Miami e in Spagna a causa di problemi tecnici con la sua vettura.

Dopo sei gare, Bottas ha raccolto 38 punti e Zhou è bloccato con un punto. Ciò pone l’Alfa Romeo a un totale di 39, di cui il 97 per cento è stato quindi fornito da Bottas. Zhou deve iniziare a fornire una quota maggiore di punti se Alfa Romeo vuole ambire alla quarta posizione superando la McLaren.

Tuttavia, Zhou con la sua nazionalità cinese porta molta attenzione alla squadra e attenzione significa anche più sponsor che vogliono essere coinvolti nella squadra. Si dice anche che il pilota dell’Alfa Romeo abbia lui stesso portato denaro al team per ottenere il posto, ma se il divario con Bottas dovesse rimane così grande costerà soldi alla squadra. Un posto più basso nella classifica costruttori significa anche meno entrate per la squadra.

Guardando i tempi in qualifica, la differenza con Bottas è davvero abissale. Zhou non si è mai qualificato più avanti di Bottas e in cinque sessioni di qualifica ha registrato in media un ritardo di 0,840 secondi dal suo compagno di squadra.

Guanyu Zhou

Se le cose non dovessero migliorare, qualcuno ipotizza che Alfa Romeo possa pensare a Theo Pourchaire. Il francese che fa parte della Sauber Academy è secondo nel campionato di F2 e ha già vinto due gare. Se riuscirà a dimostrare di poter aiutare l’Alfa Romeo a scalare la classifica, dopo solo un anno l’avventura di Zhou in F1 potrebbe finire. Il tempo stringe per il pilota cinese.

Ti potrebbe interessare: Bottas ottimista per i prossimi GP dopo gli ultimi aggiornamenti