in

Alfa Romeo in “rapido progresso” grazie al nuovo simulatore

Per Bottas i miglioramenti del simulatore spiegano i progressi del suo team

Valtteri Bottas

Valtteri Bottas afferma che Alfa Romeo ha migliorato il proprio simulatore di guida a un ritmo “rapido” da quando si è unito al team alla fine della scorsa stagione. Dopo cinque stagioni con la Mercedes, Bottas si è unito all’Alfa Romeo in seguito alla decisione della Mercedes di promuovere il giovane pilota George Russell al suo posto al fianco di Lewis Hamilton. Si è rivelata una mossa vincente per Bottas, che attualmente è ottavo nel campionato piloti con 30 punti dopo cinque gare.

Alfa Romeo migliora grazie al simulatore secondo Bottas

La Sauber, che dirige il team targato Alfa Romeo, ha investito nelle ultime stagioni per migliorare il proprio simulatore, che Bottas ha utilizzato per sviluppare parti e assetto della vettura per la C42. Il finlandese ha detto che mentre le strutture di simulazione del team non sono avanzate come Mercedes, stanno migliorando rapidamente.

“Oggi, ovviamente, i simulatori sono estremamente importanti con la mancanza di test e man mano che la tecnologia migliora, puoi ottenere sempre di più da essi”, ha affermato Bottas. “La prima volta che ho provato il simulatore Alfa Romeo Sauber, ho sentito che c’era una bella differenza rispetto a quello della Mercedes perché la Mercedes ha iniziato molto, molto tempo fa ad usarlo mentre il nostro team, ha iniziato solo pochi anni fa. Quindi ovviamente c’è da recuperare.”

“Ma dalla prima volta che l’ho provato rispetto a quello che è ora è già enormemente migliorato, ed è stato molto utile specialmente negli ultimi due eventi. Si tratta di uno strumento davvero utile per supportare il weekend di gara”.

Bottas condivide i compiti del simulatore insieme al compagno di squadra Zhou Guanyu e al terzo pilota del team Robert Kubica. Durante i fine settimana di gara il team ha sempre almeno un pilota in fabbrica per effettuare i test e correlare i dati della pista.

Alfa Romeo F1 Team ORLEN
Alfa Romeo F1 Team ORLEN

“Stiamo facendo rapidi progressi su questo ed è già un ottimo strumento”, ha affermato Bottas. “Ci sono ancora miglioramenti da fare e ovviamente ho fatto la mia parte in base alla mia esperienza e sono sicuro che anche questo ha aiutato. “Ad esempio, a Miami è stato davvero utile conoscere la pista e provare effettivamente alcune impostazioni o livelli di ali diversi in modo da avere un’idea e prima.”

Ti potrebbe interessare: Bottas si rammarica: “Safety Car in un brutto momento”