in

Opel: si procede con l’elettrificazione dei modelli

Opel

Il 2022 conduce Opel ad una prosecuzione ordinata sull’elettrificazione dei suoi modelli attualmente a listino. Il costruttore di Rüsselsheim ha infatti intenzione di garantire una concreta “offensiva” sotto questo punto di vista, tanto che entro la metà del 2022 saranno già elettrificati ben 11 modelli di casa Opel. Si comincerà con l’intera gamma dei veicoli commerciali leggeri.

Opel vuole garantire infatti una flotta completa a zero emissioni, tanto che già entro fine anno saranno diversi i modelli venduti esclusivamente nella caratterizzazione elettrica: già a partire da questi giorni, Opel Combo Life, Opel Zafira Life e Opel Vivaro Combi saranno ordinabili esclusivamente con propulsore elettrico. In Germania oggi i costruttori e il Governo Centrale garantiscono un bonus che può arrivare fino a 9mila euro per l’acquisto di vetture elettriche.

L’unica alternativa è l’elettrificazione, secondo Opel

Secondo il CEO di Opel, Uwe Hochgeschurtz, non c’è altra alternativa se non l’elettrificazione per il futuro dell’auto. Secondo quanto ammesso dallo stesso Hochgeschurtz, il costruttore si farà carico di “ulteriori innovazioni ecologiche” utili per garantire un processo ancora più veloce. Già dal 2024 ci sarà una variante elettrificata per ogni modello oggi nel listino del costruttore. Poi, a partire dal 2028 Opel venderà solamente veicoli elettrici.

Al centro dell’offerta si insedierà la nuova generazione di Opel Astra che garantirà il fulcro dell’elettrificazione dei modelli del costruttore tedesco da qui ai prossimi mesi. D’altronde, non appena sarà disponibile in concessionaria, la nuova Astra sarà già disponibile anche nella versione plug-in hybrid. Nel 2023 invece la gamma si arricchirà con la Astra-e, completamente elettrica. In termini di elettrico, il costruttore dispone già della Opel Rocks-e (veicolo leggero per la città) e dell’Opel Movano-e che invece rappresenta una grande van, chiudendo il cerchio di un listino che va quindi dal più piccolo dei veicoli al più concreto per diversi usi. Inoltre le Opel Combo-e Life e Zafira-e Life stanno registrando buoni risultati di mercato: entrambi adottano un’unità propulsiva elettrica da 136 cavalli di potenza.

Opel Zafira-e Life
La Zafira-e Life

Il Combo-e Life raggiunge i 280 chilometri di autonomia nel ciclo WLTP in accordo con una batteria agli ioni di litio da 50 kWh: la batteria si ricarica in circa mezzora con ricarica rapida in CC, fino al raggiungimento di un livello pari all’80%. La Opel Zafira-e Life invece permette di scegliere fra una batteria da 50 kWh, capace di 230 chilometri di autonomia nel ciclo WLTP, e un elemento da 75 kWh capace di 330 chilometri percorribili: è disponibile invece in tre lunghezze potendo trasportare fino a nove persone.

È dotato di trazione a celle a combustibile a idrogeno abbinata a una batteria plug-in: con un pieno di idrogeno permette di raggiungere un’autonomia superiore ai 400 chilometri nel ciclo WLTP. Il primo Opel Vivaro-e HYDROGEN sarò utilizzato nella flotta dell’azienda tedesca di elettrodomestici di alta gamma, Miele.

Emergono però nuovi campi di azione per Opel. Non è un caso che proprio il costruttore di Rüsselsheim, grazie all’apporto dell’intero Gruppo Stellantis, sia al centro dei progetti per la realizzazione della Gigafactory di Kaiserslautern mentre a Rüsselsheim sta prendendo forma il progetto che porterà alla trasformazione della sede Opel in un campus “green” e nella nuova sede tedesca di Stellantis.