in

Alfa Romeo: il piano industriale fino al 2022 in ogni dettaglio

Tra le novità figurano le sportive 8C e GTV, oltre a due nuove SUV.

Piano Industriale Alfa Romeo 2018-2022

All’evento “Capital Markets Day” di FCA, in programma oggi presso il circuito di Balocco, l’amministratore delegato Tim Kuniskis di Alfa Romeo ha illustrato il piano industriale fino al 2022 per la Casa del Biscione, pronta ad abbandonare l’alimentazione diesel e ad abbracciare l’elettrificazione.

Piano Industriale Alfa Romeo 2018-2022

Ogni modello di Alfa Romeo del futuro sarà disponibile solo nelle seguenti versioni: Hybrid a propulsione ibrida; E-Boost nella modalità ‘mild hybrid’ che assicurerà il 25% in più di potenza e zero turbo lag; Plug-In Hybrid, con oltre 50 km di autonomia nella modalità elettrica e capace di far accelerare da 0 a 100 km/h in 4 secondi di media.

Piano Industriale Alfa Romeo 2018-2022

La novità principale sarà la nuova Alfa Romeo 8C, con il telaio monoscocca in fibra di carbonio. Avrà il motore centrale biturbo a benzina, abbinato al propulsore elettrico che sarà installato all’avantreno. Complessivamente, il sistema a propulsione ibrida della nuova Alfa Romeo 8C erogherà oltre 700 CV di potenza che consentiranno di coprire lo spunto 0-100 in meno di 3 secondi.

Piano Industriale Alfa Romeo 2018-2022

Inoltre, tornerà la Alfa Romeo GTV, variante coupé della Giulia, di cui manterrà la distribuzione della massa secondo lo schema 50/50. Avrà l’abitacolo a quattro posti e la trazione integrale dotata del dispositivo Torque Vectoring, mentre la versione al top di gamma potrà contare su oltre 600 CV di potenza grazie al sistema E-Boost.

Fino al 2022, per il brand Alfa Romeo sono previste 7 novità, di cui 6 anche nella versione PHEV con la propulsione ibrida Plug-In. Inoltre, saranno disponibili anche con la tecnologia a guida autonoma di livello L2+ o L3. Confermato, invece, l’obiettivo di vendita quantificato in 400.000 esemplari all’anno, con il margine di profitto del 10%.

Nello specifico, oltre alle sportive GTV ed 8C che sostituiranno le attuali varianti coupé e spider della Alfa Romeo 4C, è in programma il restyling di metà carriera per i modelli Giulia e Stelvio. Per l’occasione, per entrambe debutterà anche la variante LWB a passo lungo destinata al mercato cinese, dove è previsto il maggiore exploit. Inoltre, saranno introdotte le due tanto attese e più volte ipotizzate SUV di dimensioni compatte e grandi dimensioni. Per quanto riguarda la Giulietta, proseguirà la commercializzazione dell’attuale generazione che, ovviamente, sarà rinnovata dal punto di vista stilistico e tecnologico.

Piano Industriale Alfa Romeo 2018-2022

Il manager Kuniskis, nel corso della presentazione, ha sottolineato che il precedente piano industriale del 2014 fosse ambizioso, in quanto prevedeva 8 nuovi modelli, il debutto in Cina e Stati Uniti, nonché l’obiettivo di vendita fissato in 400.000 unità annue.

Tuttavia, sono stati sottolineati tutti i risultati raggiunti fino ad oggi da Alfa Romeo, come le vendite incrementate da 66.000 unità del 2014 a 109.000 esemplari del 2017, mentre la previsione per quest’anno ammonta a 170.000 unità. Evidenziata anche l’evoluzione del mix delle vendite, passato dal 95% nella sola area Emea del 2013 alla previsione del 2018 con il 6% per l’area Apac (Asia), il 16% per l’area Nafta (Nord America) e il restante 74% nell’area Emea (Europa).

Dal 2013 ad oggi sono aumentate del 34% anche le concessionarie ufficiali Alfa Romeo, da 1.059 a 1.390 punti vendita, di cui 1.000 nell’area Emea (contro 907 dell’epoca), 225 in Stati Uniti e Canada, 90 in Cina.

Infine, è stata focalizzata l’attenzione anche sull’interesse dei consumatori, perché in cinque anni è aumentato il volume della ricerca online a livello mondiale su base mensile della ‘keyword’ Alfa Romeo: oltre 15 milioni in più di media, pari al 258% in più. Inoltre, i follower della Casa del Biscione sono aumentati di 3,9 milioni nell’area Emea (+250%), 1,3 milioni nell’area Nata (+444%) e 1,5 milioni nell’area Apac (+516%).

Written by Dario Montrone

Blogger, ma soprattutto giornalista freelance del settore auto da oltre dieci anni. Sono appulolucano e, nel tempo libero, pratico il 'free riding'. "Auto Storiche Italiane" è il titolo del mio primo libro, scritto qualche anno fa.