in

Opel paga una multa di 65 milioni di euro nello scandalo diesel

Opel ha pagato una multa da 65 milioni di euro per chiudere il suo dieselgate in Germania

Opel

Opel se la cava con una multa di 64,8 milioni di euro per lo scandalo dei gas di scarico. La casa automobilistica che fa parte di Stellantis ha accettato e pagato una multa associativa inflitta dal pubblico ministero di Francoforte a febbraio. Inoltre, a maggio è stato archiviato il procedimento preliminare contro sei dirigenti Opel, due dei quali erano colpevoli di reati di lieve entità e le restanti indennità pecuniaria tra i 5.000 ei 10.000 euro sono state versate a enti di beneficenza. Lo ha annunciato la magistratura martedì su richiesta, dopo che lo aveva precedentemente riferito l'”Hessischer Rundfunk”.

Questo conclude le indagini che hanno portato a un grande raid il 15 ottobre 2018 presso la sede di Opel a Rüsselsheim e lo stabilimento di componenti a Kaiserslautern. Il sospetto criminale di frode è quindi fuori discussione e non ci sarà alcun processo contro i sospetti responsabili basati sul modello Volkswagen.

Gli investigatori di Francoforte ritengono che sia stato dimostrato che Opel ha violato i suoi requisiti di documentazione nel processo di approvazione per diversi tipi di diesel presso l’Autorità federale dei trasporti automobilistici. Nell’ottobre 2018, l’autorità di Flensburg ha ordinato il richiamo dei modelli Zafira, Cascada e Insignia interessati dal 2013 al 2016. Delle quasi 100.000 vetture, 31.200 sono state vendute in Germania.

Uno dei motivi addotti all’epoca dalla KBA era che i sistemi integrati per la riduzione degli ossidi di azoto erano già strozzati quando la temperatura esterna era inferiore a 17 gradi Celsius . Tali impianti di manipolazione emetterebbero più ossidi di azoto di quanto consentito dal diritto dell’UE.

Opel ha risposto con un aggiornamento del software e ha continuato a insistere sul fatto che non aveva installato un dispositivo di manipolazione. La cosiddetta finestra termica viene utilizzata per proteggere i motori. Aggiornamenti simili sono stati successivamente installati su altri modelli Opel, ma su base volontaria e non secondo istruzioni ufficiali.

Martedì, Opel ha attribuito importanza alla constatazione che la multa non conteneva alcuna accusa di atto intenzionale o reato, in particolare nessuna frode. “Inoltre non contiene una dichiarazione di un dispositivo di manipolazione illegale”, ha detto un portavoce dell’azienda. La casa tedesca è ancora fondamentalmente convinta che tutti i veicoli abbiano sempre rispettato i requisiti legali.

L’associazione Deutsche Umwelthilfe ha avviato le prime indagini da parte della procura di Darmstadt dopo i propri test sulle emissioni, ma queste sono state interrotte. Le indagini di Francoforte si basano su una denuncia penale della KBA, che Opel aveva anche accusato di tattiche di rapimento durante la campagna di richiamo. Il produttore aveva senza successo richiesto ai tribunali amministrativi dello Schleswig-Holstein un’ingiunzione provvisoria contro la decisione stessa.

La casa madre di Opel Stellantis cercherà probabilmente di trasferire la multa di un milione di dollari al proprietario della Opel di allora, General Motors. Secondo il contratto di vendita, gli americani sono responsabili dei modelli che hanno sviluppato. La casa madre della Peugeot, PSA ha rilevato Opel nell’agosto 2017, dopo che il motore in questione era stato sviluppato.

Ti potrebbe interessare: Opel Corsa Edition a benzina: 129 euro al mese con finanziamento

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento