in

Prezzo della benzina: vola verso 1,7 euro il litro

Sale senza tregua il prezzo della benzina: adesso, ci si avvicina ad ampie falcate verso 1,7 euro il litro. E non è finita

Periodaccio per gli automobilisti: dopo la fine degli incentivi per le elettriche e i rialzi del metano, ecco che il prezzo della benzina vola verso 1,7 euro il litro. Infatti, il costo del 

Brent è pericolosamente schizzato sopra i 79 dollari. Perché? Analisti in difficoltà a capirlo, ma parte che ci sia una richiesta extra da parte dell’Oriente, che fa lievitare i listini.

Sentiamo le medie dei prezzi. I gestori li comunicano all’Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico per 15.000 impianti: benzina self service a 1,689 euro/litro, diesel a 1,541 euro/litro. Attenzione, ecco il servito: benzina a 1,806 euro/litro e diesel a 1,677 euro/litro.

E i gas? GPL servito a 0,73 euro/litro, metano servito a 1,069 euro/kg. Parliamo di medie, perché in certe zone il metano si inerpica verso vette alte il doppio. 

Solito batticuore sulle autostrade per via del trasporto: benzina self service 1,783 euro/litro (servito 1,959), gasolio self service 1,654 euro/litro (servito 1,893), Gpl 0,833 euro/litro, metano 1,144 euro/kg.

Tradotto in soldoni, ecco la denuncia di Assoutenti: l’andamento dei listini dei carburanti rappresenta oramai una emergenza, con benzina e gasolio che costano oggi oltre il 21% in più rispetto allo scorso anno. Questo equivale a un aggravio di spesa di 357 euro annui a famiglia per la benzina, +328 euro per il gasolio. Una stangata per la categoria degli automobilisti pari a complessivi 8,5 miliardi di euro.

Prezzo della benzina: accise e IVA, che legnata

Chi non ci perde per nulla è lo Stato. Questi i valori comprensivi di accisa: benzina a 1.219,96 euro per mille litri, diesel a 1.111,29 euro per mille litri. Più IVA al 22%: pertanto, più alto il prezzo non ivato, più forte il guadagno per l’erario. Sono all’incirca due terzi di pieno che entrano nelle casse del fisco. E la politica non ha la minima intenzione di alleggerire il terribile peso delle tasse su benzina e diesel: una fonte inesauribile da gestire.

Tutto questo va collegato al mercato delle auto a benzina e diesel che va male? No. Gli incentivi sono preziosi: con la crisi dei chip, non ci sono consegne e immatricolazioni. Ma solo ordini virtuali. Resta una certezza: quei bonus sono utilissimi per macchine molto richieste dagli italiani, alle prese col costo della vita che si impenna ogni giorno di più. 

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!