in

Presentata in Italia la nuova Opel Astra: prezzi da 24.500 euro

L’ultima generazione di Opel Astra è stata presentata due giorni fa a Milano; un debutto italiano fissato con un prezzo che va da 24.500 euro

L’ultima generazione di Opel Astra è stata presentata due giorni fa presso il concessionario milanese di via Gattamelata, un debutto italiano fissato con un prezzo che parte da 24.500 euro utili per portarsi a casa la variante base abbinata al propulsore benzina 1.2 da 110 cavalli e cambio manuale a 6 rapporti. La nuova Opel Astra sarà quindi già disponibile per essere acquistata a partire dal prossimo mese di ottobre, sebbene il debutto commerciale è fissato per l’avvio del nuovo anno. successivamente arriverà anche la variante esclusivamente elettrica (2023) e poi la Sports Tourer della quale continuano i test su strada.

La nuova generazione di Opel Astra è la prima nata sotto la nuova egida di Stellantis, ovvero la prima disponibile presto completamente elettrica e la prima alimentata anche con propulsore ibrido plug-in in accordo con le possibilità offerte dalla piattaforma EMP2 già utilizzata anche per l’ultima Peugeot 308.

Un’Opel Astra rinnovata in ogni centimetro

La sesta generazione di Opel Astra appena presentata anche da noi in Italia presenta dimensioni praticamente identiche a quelle già in essere sulla generazione precedente. Eppure ogni cosa è stata completamente rinnovata, a cominciare dalle introduzioni stilistiche già viste su altri nuovi modelli della casa tedesca. A cominciare dal nuovo frontale caratterizzato dal “Vizor” che introduce stilemi nuovi a tutta la sezione anteriore della Opel Astra, già visto su Mokka e Crossland.

Sulla nuova Opel Astra debutta anche lo stile “Bold and Pure” con cui Opel mette in pratica linee essenziali con superfici caratterizzate da continui cambiamenti d’angolo e nervature accentuate utili per dare una caratterizzazione specifica ai volumi. Grazie al frontale Vizor, la larghezza complessiva pare ancora più accentuata e le linee che dalle fiancate conducono all’inclinato montante posteriore forniscono la chiave di lettura per uno stile personale e decisamente unico.

Interni ad alta tecnologia

Fortemente tecnologici gli interni della nuova Opel Astra. C’è l’ultima generazione di Pure Panel, ovvero il cruscotto digitale abbinato allo schermo dell’infotainment già visto sulla Opel Mokka. Si tratta di un elemento con due schermi da 10 pollici integrati capaci di costituire un display unico ad andamento orizzontale che svecchia decisamente l’interno della Opel Astra.

Il sistema infotainment è stato inoltre aggiornato mediante servizi che sfruttano la connessione ad internet. Di serie c’è sempre la connettività con Apple CarPlay e Android Auto in modalità wireless. Per quanto riguarda invece le motorizzazioni, troviamo le medesime unità viste sulla Peugeot 308. Si comincia infatti dai benzina 1.2 PureTech a 3 cilindri con potenze di 110 o 130 cavalli. Per ciò che riguarda i diesel troviamo invece il 1.5 BlueHDi da 130 cavalli di potenza. Si possono avere tutte con cambio manuale a 6 rapporti o automatico EAT8.

L’ultima generazione di Opel Astra è stata presentata due giorni fa presso il concessionario milanese di via Gattamelata, un debutto italiano fissato con un prezzo che va dai 24.500 euro utili per portarsi a casa la variante base abbinata al propulsore benzina 1.2 da 110 cavalli e cambio manuale a 6 rapporti. La nuova Opel Astra sarà quindi già disponibile per essere acquistata a partire dal prossimo mese di ottobre, sebbene il debutto commerciale è fissato per l’avvio del nuovo anno. successivamente arriverà anche la variante esclusivamente elettrica (2023) e poi la Sports Tourer della quale continuano i test su strada.

La nuova generazione di Opel Astra è la prima nata sotto la nuova egida di Stellantis, ovvero la prima disponibile presto completamente elettrica e la prima alimentata anche con propulsore ibrido plug-in in accordo con le possibilità offerte dalla piattaforma EMP2 già utilizzata anche per l’ultima Peugeot 308.

Un’Opel Astra rinnovata in ogni centimetro

La sesta generazione di Opel Astra appena presentata anche da noi in Italia presenta dimensioni praticamente identiche a quelle già in essere sulla generazione precedente. Eppure ogni cosa è stata completamente rinnovata, a cominciare dalle introduzioni stilistiche già viste su altri nuovi modelli della casa tedesca. A cominciare dal nuovo frontale caratterizzato dal “Vizor” che introduce stilemi nuovi a tutta la sezione anteriore della Opel Astra, già visto su Mokka e Crossland.

Sulla nuova Opel Astra debutta anche lo stile “Bold and Pure” con cui Opel mette in pratica linee essenziali con superfici caratterizzate da continui cambiamenti d’angolo e nervature accentuate utili per dare una caratterizzazione specifica ai volumi. Grazie al frontale Vizor, la larghezza complessiva pare ancora più accentuata e le linee che dalle fiancate conducono all’inclinato montante posteriore forniscono la chiave di lettura per uno stile personale e decisamente unico.

Interni ad alta tecnologia

Fortemente tecnologici gli interni della nuova Opel Astra. C’è l’ultima generazione di Pure Panel, ovvero il cruscotto digitale abbinato allo schermo dell’infotainment già visto sulla Opel Mokka. Si tratta di un elemento con due schermi da 10 pollici integrati capaci di costituire un display unico ad andamento orizzontale che svecchia decisamente l’interno della Opel Astra.

Il sistema infotainment è stato inoltre aggiornato mediante servizi che sfruttano la connessione ad internet. Di serie c’è sempre la connettività con Apple CarPlay e Android Auto in modalità wireless. Per quanto riguarda invece le motorizzazioni, troviamo le medesime unità viste sulla Peugeot 308. Si comincia infatti dai benzina 1.2 PureTech a 3 cilindri con potenze di 110 o 130 cavalli. Per ciò che riguarda i diesel troviamo invece il 1.5 BlueHDi da 130 cavalli di potenza. Si possono avere tutte con cambio manuale a 6 rapporti o automatico EAT8.

Le ibride plug-in prevedono invece potenze di 180 o 225 cavalli e possono permettere la marcia esclusiva in elettrico per circa 60 chilometri. Per ciò che riguarda le plug-in troviamo una batteria da 12,4 kWh con motore elettrico da 110 cavalli di potenza: in questo caso, il cambio è a 8 marce EAT8.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Lascia un commento