in

Alfa Romeo: le ultime sul piano di rilancio

Ecco cosa si vocifera ultimamente a proposito del futuro piano di rilancio di Alfa Romeo che sarà svelato nei prossimi mesi

Alfa Romeo

Se ne dicono tante sul futuro piano di rilancio di Alfa Romeo. Questo dovrebbe essere svelato entro la fine dell’anno ma non possiamo escludere che alla fine si aspetti l’inizio del 2022 per svelare i futuri piani della casa automobilistica del Biscione. Come sappiamo al momento sono due le certezze per lo storico marchio milanese. La prima è l’arrivo nel 2022 di Alfa Romeo Tonale che sarà svelato tra febbraio e marzo del 2022. La sua produzione avverrà da marzo a Pomigliano mentre lo sbarco in concessionaria avverrà i primi di giugno come assicurato dallo stesso Jean-Philippe Imparato.

La seconda certezza è l’arrivo di un B-SUV che probabilmente sarà la prima auto elettrica del Biscione. Il veicolo sarà presentato entro fine 2023 e probabilmente sarà prodotto in Polonia a Tychy. Il nome è per il momento sconosciuto ma si vociferano due nomi: Brennero e Palade. Per quanto riguarda invece le ultime voci sul piano di rilancio di Alfa Romeo si vocifera che il 2024 potrebbe essere l’anno giusto per il ritorno di Giulietta con una nuova generazione. Questo probabilmente verso fine anno. Probabile nel frattempo il rinnovo di Stelvio e Giulia.

Il 2025 invece potrebbe vedere l’arrivo di un nuovo SUV. Non è chiaro al momento dove si andrebbe a collocare ma si ipotizza al di sopra di Stelvio. Infine l’ultima voce relativa al piano di rilancio di Alfa Romeo parla del possibile arrivo nel 2026 di una sorpresa.

Si tratterebbe cioè di un modello di cui al momento si parla poco ma che farebbe parte della storia del Biscione. Non è chiaro se questa auto sarà prodotta in serie o in edizione limitata né se si tratta di una vettura sportiva o di una berlina. Vedremo se nei prossimi giorni arriveranno ulteriori dettagli sui futuri piani del brand milanese di Stellantis.

Ti potrebbe interessare: Il rilancio di Alfa Romeo è la vera sfida di Tavares ed Elkann

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento