in

Citroën inizia a “separarsi” da Peugeot in Brasile

Citroen , Citroën inizierà a “separarsi” da Peugeot nel mercato brasiliano con Stellantis

Peugeot e Citroen
Peugeot e Citroen

Negli ultimi anni, i marchi francesi Citroën e Peugeot sono stati come sorelle siamesi in Brasile. Appartenevano alla stessa casa automobilistica, PSA, avevano un comando centralizzato e persino lo stesso posizionamento. Risultato? Anche le vendite sono state le stesse. Nel 2020 la differenza è stata di una sola vettura: 13.477 per Peugeot e 13.476 per Citroën.

Con questa performance, Peugeot e Citroën si sono classificate rispettivamente al 13 ° e 14 ° posto nel mercato brasiliano, con una quota dello 0,7% ciascuna. Un risultato molto distante dal 2011, quando entrambi erano tra i 10 marchi più venduti nel Paese e, insieme, detenevano una quota del 5,1%. Ma questo cambierà. Ora al comando del gruppo Stellantis, fusione tra FCA e PSA, Citroën inizierà a “separarsi” da Peugeot nel mercato brasiliano. E, per la prima volta nella sua storia, avrà un posizionamento più vicino al suo DNA innovativo in Brasile.

La scorsa settimana, il presidente di Stellantis in Sud America, Antonio Filosa, ha affermato che i due marchi avranno un posizionamento diverso. L’idea è di utilizzare una struttura simile a quella di FCA per i marchi Fiat e Jeep. In sintesi: Citroën e Peugeot hanno ora ciascuno un responsabile del marchio, che riporta direttamente a Filosa. Vanessa Castanho assumerà Citroën. Felipe Daemon guiderà Peugeot. Ana Theresa Borsari, responsabile di Peugeot e Citroën in Brasile, è stata trasferita in Francia.

La scelta dei nomi fornisce già indizi su come Citroën e Peugeot agiranno in Brasile. Vanessa Castanho lavora da 23 anni in Renault, marchio francese che ha conquistato il mercato posizionandosi in un segmento più popolare. Ora, avrà una missione simile: rendere Citroën più accessibile a tutti. Felipe Daemon, nel frattempo, ha trascorso gli ultimi due anni a occuparsi di pickup Fiat e spot pubblicitari leggeri. La Peugeot avrà presto un nuovo camioncino, Landtrek.

Differenziare i marchi francesi non sarà un compito semplice. Quando l’ex PSA ha rilevato le operazioni congiunte di Peugeot e Citroën in Brasile nel 2000, la posizione è stata invertita. In Francia e in tutti gli altri mercati del mondo, Peugeot è sempre stata il marchio premium del gruppo. Citroën ha sempre operato in segmenti più popolari.

In Brasile, invece, è stato il contrario. Questo perché Citroën è arrivata per mano dell’importatore Sergio Habib (attuale CEO di JAC Motors), che ha portato la sua esperienza come importatore Jaguar a Citroën e l’ha lanciata come marchio premium. La missione di Vanessa Castanho sarà quella di riposizionare il marchio Citroën in Brasile. E dovrà già mostrare il suo biglietto da visita con la Citroën C3, una berlina compatta che può già essere presentata nella sua configurazione Aircross come crossover (mix di berlina con SUV).

La Citroën C3 utilizzerà la stessa piattaforma della Peugeot 208 e sarà prodotta anche a Porto Real (RJ), ma non sarà una berlina classica, con una versione elettrica, ma un veicolo in grado di combattere con Volkswagen T-Cross, Nissan Kicks e Chevrolet Tracker, stelle del segmento.

È molto probabile che seguirà la linea di C4 Cactus.. Una fonte Stellantis segnala che il nome non è ancora definito. Può essere C3 Aircross, C3 Cactus o anche C3X, già proiettando una somiglianza con un nuovissimo prodotto innovativo, il C5X.

Alcune differenze tra Citroën e Peugeot, già praticate in Francia, devono essere adottate in Brasile. Un esempio è l’inedita Citroën C5X, un mix di SUV con station wagon che non ha simili nella linea Peugeot. È un’auto familiare che rafforza la tradizione Citroën di lanciare prodotti innovativi, come la Traction Avant (1930), 2CV (dopo la seconda guerra mondiale), DS (1950) e Xsara Picasso (2000).

In futuro, Citroën potrebbe portare qui alcune delle sue scommesse francesi, come la microcar Ami, che è 100% elettrica. Il nome si riferisce a un modello Citroën di successo negli anni ’60 e ’70, ma la nuova Ami è una specie di Romi-Isetta, con solo due posti. C’è anche un Ami Cargo, per consegne rapide all’interno della città.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI