in

In Francia passo avanti per lo stop alle endotermiche dal 2030

Si avvicina la fine della vendita delle auto a benzina e diesel a Parigi e dintorni

Stop alle endotermiche

Guerra a benzina e diesel. Tutto ha avuto inizio col dieselgate del 2015, ma ora si accelera. In Francia passo avanti per lo stop alle endotermiche. Infatti, l’Assemblea nazionale, su proposta del Governo, ha adottato un articolo della legge sul clima. Un bel bando alla vendita di vetture nuove con emissioni di anidride carbonica superiori ai 123 g/km di CO2 nel ciclo Wltp (95 g/km secondo il Nedc). Dall’1 gennaio 2030.

Parliamo di vetture private. Per i veicoli commerciali e industriali è stato approvato un emendamento che stabilisce il bando dei combustibili fossili entro il 2040. Sono esclusi i veicoli per usi specifici, come per esempio le fuoristrada utilizzati per lavoro o in zone di montagna. Massimo di deroga: il 5% delle vendite annuali di auto nuove.

Stop alle endotermiche: crociata mondiale

Quindi, in Europa e nel mondo, a partire dalla Gran Bretagna, c’è la crociata anti benzina e anti diesel. Ma le Case come stanno reagendo a questi futuri stop delle vendite delle endotermiche? Si chiacchiera della possibilità di individuare una data limite per eliminare dal mercato dell’auto le motorizzazioni a combustione interna e accelerare così la transizione verso quelle a batteria.

Per Staffetta Quotidiana, Volkswagen spinge sulle batterie. Ma non fissa una data per lo stop alla produzione di modelli a combustione interna, perché da lì vengono i soldi per elettrificare. BMW annuncia che entro il 2030 metà delle sue vendite arriveranno da veicoli a batteria, ma anche qui nessuna data per il phase out (una sorta di alt definitivo). Solo per fare due esempi.

Qual è il problema? Quello che Gian Primo Quagliano (Centro Studi Promotor) evidenzia per primo da anni: i soldi da investire nell’elettrico da dove arrivano? Molto dalle vendite di auto a benzina e a gasolio. Se si fermano queste immatricolazioni, i Costruttori rischiano di andare in difficoltà.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento