in

Stellantis: il passaggio dal termico all’elettrico preoccupa a Douvrin

I sindacati francesi temono per il futuro dello stabilimento Stellantis di Douvrin che nei prossimi anni passerà alla produzione di motori elettrici

Stellantis
Stellantis

Lo stabilimento Stellantis di Douvrin è stato designato per ospitare la “gigafactory” di batterie ma perderà la produzione di due motori termici nel 2022 e nel 2023. Per i rappresentanti eletti del parco industriale Artois-Flandres, delusi e arrabbiati, la trasformazione in corso minaccia la sostenibilità del sito.

Con l’accelerazione dell’elettrificazione delle auto si creano nuovi posti di lavoro, ma altri scompariranno con la fine della produzione di motori termici. E la transizione non è priva di difficoltà e turbolenze. Questa è la situazione che deve affrontare il sito industriale francese della meccanica del gruppo Stellantis (ex-PSA), situato a Douvrin.

Questo produce tre famiglie di motori: due benzina, l’EB Turbo PureTech (lanciato nel 2013) e il motore EP (con una versione PHEV dal 2019) e l’unità diesel DVR (lanciata nel 2017). Mentre la produzione di questo motore diesel terminerà nel 2022, il gruppo Stellantis ha annunciato il 25 febbraio 2021 che la prossima generazione del motore a benzina EP a quattro cilindri sarà trasferito dallo stabilimento di Douvrin allo stabilimento Opel di Szentgotthárd (Ungheria).

Una decisione che non passa all’interno del sindacato misto che gestisce il Parco Industriale Artois-Flandres (Siziaf). “Mentre Siziaf lavora da più di un anno con PSA per realizzare un importante sviluppo pubblico per servire al meglio il sito compattato dal 2023, mentre lo Stato sostiene la delocalizzazione degli investimenti produttivi in ​​Francia e in particolare nel quadro del rilancio della Francia, mentre Bpifrance è azionista di PSA e che, attraverso questa partecipazione, lo Stato francese partecipa alla capitale di PSA, è con stupore, delusione e rabbia che l’annuncio è stato salutato dai funzionari eletti Siziaf, che si sentono traditi e ingannati ”, ha reagito il sindacato in un comunicato stampa.

Secondo il sindacato, questo trasferimento “rappresenta una seria minaccia per il futuro del sito di PSA Douvrin e dei suoi 1.500 dipendenti” . Nato nel 1969 dalla fusione tra Peugeot e Renault, questo sito industriale contava 5.700 dipendenti nel 2003 e produceva più di 2 milioni di motori all’anno. Produrrà quindi solo il motore EB turbo PureTech, il cui ”  futuro è incerto” , secondo il sindacato, visti gli investimenti necessari per soddisfare i nuovi standard europei.

Ti potrebbe interessare: Stellantis, dati primo trimestre Fim-Cisl: cosa si rischia stabilimento per stabilimento in Italia

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento