in

Opel continua la sua discesa agli inferi nel mercato francese

Dopo un 2020 da dimenticare, anche nel 2021 ol marchio Opel continua la sua discesa agli inferi nel mercato francese

Opel
Opel

Una quota di mercato del 2,7% per il 2020, che scende al 2,2% nel primo trimestre del 2021: il marchio Opel continua la sua discesa agli inferi sul mercato francese, trascinando in subbuglio la sua rete di distribuzione. Nel 2020 la rete ha perso denaro per la prima volta (-0,1% di redditività), ma ovviamente andrà peggio nel 2021.

“La nostra redditività è peggiorata molto da inizio anno”, ammette Michel Maggi , presidente della GNCO (Gruppo Nazionale Concessionari Opel), per i quali la misura è colma. “Termineremo marzo intorno al 75-80% dei nostri obiettivi. Questo è migliore dei mesi precedenti ma di certo non è sufficiente e anche se raggiungessimo il 100% di questi obiettivi non ci permetterebbe di ” guadagnarci da vivere perché il sistema si basa su un margine troppo basso. Abbiamo quindi deciso di fermare l’emorragia e di riunire urgentemente l’ufficio del gruppo, giovedì 1 aprile 2021, per decidere sulle nostre azioni “, conferma Michel Maggi.

A dicembre 2020, infatti, gli obiettivi di vendita per i veicoli privati ​​sono stati raggiunti al 59% e al 68% per i veicoli commerciali leggeri. Nel gennaio 2021 erano simili. A febbraio, il marchio ha accettato di riunire le vendite di veicoli passeggeri e utilitari, che ha permesso di raggiungere il 79% degli obiettivi e il 93% per i veicoli elettrici. Un cambio di ambito da accreditare a Igor Dumas, il nuovo direttore generale del marchio in Francia, che ha sostituito Stéphane Le Guevel. Ma ovviamente questo cambio di numero uno non sarà sufficiente. ” È un problema di politica commerciale e dei mezzi messi a disposizione della rete, ma non certo un problema umano”, sostiene il presidente della GNCO.

I vincoli e le problematiche si moltiplicano con tutti i concessionari, dal gestore al semplice venditore. Ogni giorno porta la sua parte di fastidi, delusioni, problemi di configurazioni diverse tra quelle effettuate sul sito del marchio e presso la concessionaria, la consegna di modelli non conformi (con opzioni ordinate che non sono installate), ritardi nel facchinaggio di veicoli passare da 90 a 30 giorni senza preavviso, obblighi di rimborso acconti per tempi di consegna troppo lunghi … la lista è lunga!

Certo, dall’acquisto di Opel da parte di PSA nel 2017, il 40% dei volumi è stato tagliato, ma ancor più della decostruzione della gamma per non adeguatezza con gli obiettivi di CO2, sono i rapporti e il trattamento riservati dal gruppo PSA alla rete Opel che ha dato fuoco alla polvere. ” Abbiamo esattamente le stesse lamentele della concessionaria austriaca Peugeot. Non possiamo più accettare di avere obiettivi di vendita irraggiungibili. Fissarci obiettivi che non possono essere raggiunti nemmeno all’85% è un vero problema” , continua Michel Maggi.

” Ancor più della rabbia, è tristezza quella che provo, tristezza di vivere questi momenti, di vedere i leader aziendali, i personaggi storici del marchio perdere soldi. Non possiamo più continuare così. Siamo ascoltati, ci viene detto di sì ma niente cambia. Abbiamo perso l’anima di Opel ” , si lamenta Michel Maggi. 

Ti potrebbe interessare: Opel Zafira-e Life ora permette un facile accesso alle persone con sedia a rotelle

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI