in

Tavares pronto a discutere sul nome di Jeep Cherokee

Il CEO del gruppo Stellantis, Carlos Tavares, a cui appartiene il marchio Jeep ha dichiarato di essere disponibile a discutere sull’utilizzo del nome Cherokee

Il CEO del gruppo Stellantis, Carlos Tavares, a cui appartiene il marchio Jeep, ha dichiarato di essere disponibile a discutere sull’utilizzo del nome Cherokee nei suoi veicoli dopo le recenti critiche del leader della tribù dei nativi americani.

Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellantis ha detto che la società era impegnata in un dialogo con la Cherokee Nation sull’uso del nome. Jeep ha due modelli, il SUV compatto Cherokee e il Grand Cherokee più grande, che vende negli Stati Uniti e nel resto del mondo.

Alla domanda in un’intervista se sarebbe disposto a cambiare il nome della Jeep Cherokee se spinto a farlo, Tavares ha detto: “Siamo pronti a discuterne, l’importante è decidere insieme con le persone appropriate e senza intermediari. In questa fase, non so se ci sia un vero problema. Ma se ce n’è uno, beh, ovviamente lo risolveremo “, ha detto Tavares, aggiungendo che non era personalmente coinvolto nei colloqui.

Il dibattito sul nome Cherokee è tra le questioni che deve affrontare Carlos Tavares, che ha preso il controllo di Stellantis quando il gruppo è stato costituito all’inizio di quest’anno dalla fusione di Fiat Chrysler Automobiles e PSA. Nell’intervista di mercoledì, Tavares ha anche discusso se ridurre i 14 marchi dell’azienda, rendendo gli stabilimenti Fiat Chrysler più competitivi e il suo piano di restare con la Cina.

Cherokee Nation è la più grande tribù di nativi americani negli Stati Uniti, con circa 370.000 membri, e Jeep ha venduto milioni di veicoli che prendono il suo nome. Il marchio automobilistico ha esteso l’uso del nome Cherokee a un SUV compatto, una versione più piccola del Grand Cherokee, nel 2013.

Il leader della Cherokee Nation ha recentemente affermato che vorrebbe che Jeep smettesse di usare il nome della sua tribù sui suoi SUV. Chuck Hoskin Jr., capo principale della nazione Cherokee, ha detto che credeva che Jeep avesse buone intenzioni, ma che “non ci onora avere il nostro nome intonacato sul lato di una macchina”, secondo una dichiarazione rilasciata per la prima volta a Car e Driver la scorsa settimana.

Ti potrebbe interessare: Jeep Grand Cherokee 2022: ecco un progetto digitale che ne anticipa il design

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento