in

Il vecchio cancello dello Stabilimento Alfa Romeo del Portello rimarrà al suo posto

L’ultimo baluardo dello Stabilimento Alfa Romeo del Portello è un cancello arrugginito e una guardiola saranno salvati e restaurati

Portello

L’ultimo baluardo di un tempo che non ritornerà e che ha il mitico stabilimento Alfa Romeo del Portello, a Milano, come protagonista assoluto di questa storia è rappresentato da ciò che rimane del sito produttivo che dal 1906 al 1986 è rimasto attivo a più riprese: ovvero un cancello, ormai arrugginito dal tempo, una guardiola di piccole dimensioni e una parte dell’ampio muro di cinta che perimetrava l’immensa struttura.

Da quello e dagli altri cancelli dello stabilimento Alfa Romeo del Portello sono entrati semilavorati, merci ed elementi di varia natura utili a permettere la realizzazione vera e propria di intere generazioni di vetture del Biscione che lì nascevano e da lì partivano alla conquista degli appassionati posti praticamente in ogni parte del mondo. Non è un caso che proprio al Portello sono nate vetture iconiche come l’Alfa Romeo 1900, la Giulietta o la Giulia senza dimenticare le numerose vetture da corsa adoperate ad esempio da Nuvolari o Achille Varzi.

Il mito resiste

Se il mito resiste, i lavori cominciati nei primi Anni Duemila hanno demolito tutto quello che ancora esisteva e resisteva al Portello senza che qualcuno abbia fatto i conti col cuore e con la storia di un’Italia dell’automobilismo che nel Portello intravedeva ancora storia e costume di sicuro interesse.

D’altronde lo stabilimento Alfa Romeo del Portello vedeva il suo futuro segnato già nel 1986 quando Fiat decise di cedere l’area al Comune di Milano e anche l’ultimo degli addetti della “vecchia” Alfa Romeo si trasferiva ad Arese. I suoi oltre 260mila metri quadrati di estensione permettevano di ragionare allora dal punto di vista di chi vede centri commerciali e aree residenziali al posto della storia che sia questa dell’automobile o di qualsiasi altra cosa. Dopo differenti vicissitudini il Portello è oggi irriconoscibile: destinato ad area verde, a grattacieli e piste ciclabili. Insomma, del glorioso stabilimento del Portello non è rimasto nulla.

Cancello Portello
Il cancello dello Stabilimento del Portello rimasto all’angolo tra via Serra e via De Gasperi – Immagine da Google Maps

Ad eccezione di quel grosso cancello ormai malandato all’incrocio tra via Renato Serra e via Alcide De Gasperi. Con la sua completa demolizione andarono persi diversi prototipi di vetture mai nate, sale prova praticamente intatte, motori sperimentali, parti meccaniche e disegni: tutti elementi lasciati al Portello come se chiunque abitasse quei luoghi fosse scappato via dall’oggi al domani. Il cancello resiste e grazie ad una petizione lanciata da Fucina Editore e dall’Associazione I Guardiani del Portello, finalmente il Comune di Milano e la Finiper SpA (che è proprietaria dell’area di intervento) hanno deciso di mantenere quell’ultimo baluardo dell’Alfa Romeo al Portello. In questo modo il vecchio cancello sarà rimesso a nuovo e rimarrà lì dov’è (o forse spostato più avanti nella riqualificazione dell’area verde): un piccolo segno di un’Alfa Romeo che non c’è più.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Un commento

Lascia il tuo commento, condividi il tuo pensiero

Lascia un commento