in

Stellantis: a Saragozza prodotte 10 mila auto in meno in 5 giorni

La fabbrica di Stellantis a Saragozza ha perso di produrre 10 mila auto in 5 giorni per la mancanza di semiconduttori

PSA Saragozza
PSA Saragozza

Lo stabilimento del nuovo gruppo automobilistico Stellantis a Saragozza non riprende la produzione da domenica scorsa. La ragione? La mancanza di fornitura di semiconduttori ha fatto sì che la fabbrica smettesse di assemblare quasi 10.000 auto con lo stop dei turni mattutini, pomeridiani e notturni per cinque giorni. Uno scenario che ha costretto l’azienda ad attivare il pool di ore lavorative e mandare a casa oltre 5.700 lavoratori, ai quali non è ancora chiaro quando torneranno.

La fabbrica di Stellantis a Saragozza ha perso di produrre 10 mila auto in 5 giorni per la mancanza di semiconduttori

Lo confermano fonti aziendali che hanno spiegato che «il fermo delle linee di produzione dello stabilimento – dove vengono prodotte Opel Corsa, Crossland X e Citroën C3 Aircross – è iniziato nel turno di notte di questa domenica, poiché la fabbrica non dispone di parti sufficienti per far fronte al normale ritmo di assemblaggio. Tuttavia, l’8 febbraio Stellantis Saragozza è stata già costretta a interrompere la produzione in giorni aggiuntivi a causa della mancanza di fornitura di vari componenti, alcuni dei quali semiconduttori, la parte che ha messo sotto controllo il settore automobilistico .

«La fabbrica non è stata in grado di produrre nessun veicolo domenica, lunedì, martedì o mercoledì, ma nemmeno questo giovedì potrà farlo perché il livello di fornitura di ricambi continua ad essere negativo. Tutto indica che questa settimana sarà vuota per i montaggi dell’impianto e non si potrà produrre “, precisano. Tuttavia, riferiscono che “questo giovedì ci sarà un nuovo incontro tra direzione e sindacati per affrontare la situazione di Stellantis Saragozza per dire sì, finalmente, la produzione potrà riprendere questo venerdì”.

“Speriamo che la mancanza di approvvigionamento venga risolta alla fine del primo trimestre dell’anno per poter recuperare la produzione persa nel secondo con la richiesta di giorni di fine settimana aggiuntivi presso lo stabilimento”. Alcuni turni che Stellantis Saragozza aveva già utilizzato nel 2020 per recuperare la produzione persa per gli effetti della crisi del coronavirus, dopo la paralisi dell’impianto da quasi due mesi a causa del lockdown il 13 marzo.

Una situazione che ha portato lo stabilimento della casa automobilistica francese a scalare una posizione nella classifica della produzione in Spagna, superando Seat Martorell con l’assemblaggio di quasi 400.000 unità assemblate, dopo l’accelerazione del quarto trimestre dell’anno con l’assunzione di un quarto team di lavoro nei fine settimana, per far fronte all’aumento della domanda dai mercati europei.

Tuttavia, assicurano che “questo problema di fornitura non influenzerà la produzione nel 2021, poiché Stellantis prevede di aumentare in modo significativo il numero di assemblaggi nello stabilimento quest’anno”.

Ti potrebbe interessare: Stellantis sceglie un ingegnere per le comunicazioni a Saragozza e fa infuriare i giornalisti

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento