in ,

La Citroën 2CV è una vettura strana ma allo stesso tempo meravigliosa | Video

Gli ingegneri di Citroën ridussero a minimo le parti soggette a guasti

Citroën 2CV Hagerty

La Citroën 2CV è una delle auto d’epoca che sta acquisendo una grande popolarità negli ultimi anni. Si tratta di una vettura che si discosta parecchio dai modelli più moderni visto che era un veicolo strano e soprattutto lento.

L’ultimo video pubblicato su YouTube da Hagerty vede protagonista proprio la 2CV ed è una clip rivolta a tutti coloro che hanno intenzione di acquistarne una. Nella lista delle prime tre cose a cui prestare attenzione, il conduttore si riferisce al corpo arrugginito. Egli afferma che la casa automobilistica francese si impegnò molto per rendere la trasmissione più affidabile possibile, rimuovendo guarnizioni e parti facilmente soggette a guasti.

Citroën 2CV Hagerty
Citroën 2CV motore

Citroën 2CV: Sam Smith di Hagerty ha messo alla prova la storica auto francese

Il risultato finale è una vettura che può essere riparata in pochissimo tempo e soprattutto con pochi attrezzi. Sam Smith sostiene che, anche se nessuna Citroën 2CV può essere paragonata alla parola velocità, i primi esemplari costruiti sono così lenti da essere poco pratici.

Seppur i modelli successivi abbiano prodotto solo circa 30 CV di potenza, sono sufficienti per rimanere al passo con il traffico moderno e persino viaggiare a velocità da autostrada se ci si trova su un lungo rettilineo.

Citroën 2CV Hagerty

Questa vettura rappresenta un ottimo esempio di come la velocità e la sportività non sono gli unici due fattori da prendere in considerazione quando si valuta un’auto in quanto entrano in gioco anche ingegnosità, soluzioni intelligenti e comfort.

Per scoprire maggiori informazioni sulla Citroën 2CV, vi basta cliccare sul tasto Play dell’anteprima del video presente dopo la galleria fotografica.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento