in ,

Ecco perché è il momento di scegliere (oggi) una Lancia Delta HF 4WD

La Lancia Delta HF 4WD potrebbe essere la vettura perfetta ancora oggi per una gita sulla neve: ecco perché non escluderla oggi stesso

Lancia Delta HF 4WD

Con la Lancia viva oggi solamente nel ricordo, pensi alla straordinaria Lancia Delta e non riesci a fare a meno di amarla. La Delta, forse la più nota vettura del costruttore torinese, è una interessantissima (poco più) che quarant’enne visto che ha compiuto la cifra tonda solamente nel 2019. La vettura era nata con la volontà di battagliare, in termini di vendite, con la Volkswagen Golf risultando poi una incredibile interprete dei rally configurando l’idea della perfetta vettura destinata a questo ruolo.

Lancia Delta HF 4WD

Oggi come oggi i prezzi delle Lancia Delta sono ancora abbastanza contenuti, a cominciare da quelli necessari per portarsi a casa una Delta HF 4WD di cui parliamo in quest’occasione. La variante HF 4WD della Delta venne prodotta dal 1986 al 1988 nella variante stradale, mentre dal 1987 al 1988 nella versione da corsa ovvero la stessa con la quale nel 1987 Juha Kankkunen vinse il Mondiale Rally (piloti e costruttori). Fu lei l’antesignana della splendida Lancia Delta Integrale.

Potrebbe essere una più interessante alternativa alla Panda 4×4?

Alzi la mano chi non ama la Lancia Delta. Di certo, con il crescente interesse nei confronti delle varianti classiche della Fiat Panda 4×4 che rappresentano ormai una vettura di culto oltre che di gran moda, l’interesse nei confronti della Lancia Delta HF 4WD potrebbe crescere in questa direzione.

Lancia Delta HF 4WD
La Lancia Delta HF 4WD Gruppo A di Juha Kankkunen

A dispetto del suo essere diventata una vettura da corsa con tutti i crismi del caso, la Delta è una vettura elegantissima anche oggi, grazie ad una linea iconica guarda caso progettata dall’illustre Giorgetto Giugiaro. La Delta HF 4WD non è poi così diversa dalle varianti che l’avevano preceduta, ma si riconosce per la coppia di fari tondi davanti con diametro differente e per lo spoiler anteriore che ospita i fendinebbia o i fari di profondità. Ma dietro lo scarico viene sdoppiato e sotto al cofano trova posto lo stesso propulsore 2.0 litri già visto sulla Lancia Thema con turbo che porta la potenza a 165 cavalli con funzione overboost: i 100 km/h si raggiungono in 7,8 secondi da fermo mentre la velocità massima è superiore ai 200 chilometri orari. Per frenarla ci sono quattro dischi con pinze flottanti.

Soluzioni raffinate

Grazie alla trazione integrale, davanti insiste un differenziale con ripartitore di coppia con giusto viscoso Ferguson che introduce un aggravio di potenza pari al 56% sull’asse anteriore e il rimanente 44% viene inviato su quello posteriore dove trova posto un differenziale autobloccante Torsen. Le sospensioni sono del tipo McPherson a ruote indipendenti con bracci oscillanti inferiori, barra stabilizzatrice e ammortizzatori idraulici a doppio effetto. Dietro trovano posto aste trasversali con tiranti di reazione e barra stabilizzatrice.

Lancia Delta HF 4WD

Se la Panda 4×4 continua a subire dei fantastici rifacimenti, l’interno della 4WD è già di un altro livello, con i leggendari sedili rivestiti in tessuto Missoni e Alcantara che ti posizionano al meglio per per guardare quei quadranti Veglia neri con indicazioni gialle e lo sportivo volante Momo. Alcuni interni di vetture Anni Ottanta non invecchiano molto bene, ma quelli della Delta 4WD lo hanno fatto con grande fascino, un po’ come tutte le sportive italiane dell’epoca.

Lancia Delta HF 4WD

La Lancia Delta HF 4WD rimane ancora oggi un’auto molto speciale. Se ne trovano di ottime anche a meno di 30mila euro, difficilmente si può pretendere di più da altre vetture che hanno avuto trascorsi in gara ma sono rimaste fedeli alla strada. Perché non preferirla ad una ottima Panda 4×4 per godersela sulla neve? Fateci un pensiero.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento