in

Lancia diventerà un marchio premium grazie a Stellantis

Le prime novità che riguardano il brand torinese arriveranno presto

lancia ypsilon

Di Lancia ormai è rimasto davvero poco in quanto l’attuale gamma include soltanto un modello, ossia la Ypsilon che esiste dal 2011. Tuttavia, c’è ancora speranza per la famosa casa automobilistica torinese grazie a Stellantis.

Nelle scorse ore, il nuovo gruppo automobilistico ha annunciato che l’azienda diventerà un marchio premium in quanto è stata citata assieme ad Alfa Romeo e DS Automobiles e sarà guidata da Luca Napolitano che è anche il capo di Fiat e Abarth EMEA (Europa, Medio Oriente e Asia).

Lancia, alla guida del marchio c’è Luca Napolitano

Lancia: lo storico brand torinese è stato posizionato allo stesso livello di Alfa Romeo e DS Automobiles

Ciò potrebbe significare che Lancia tornerà di nuovo a brillare come un tempo. Tuttavia, al momento abbiamo pochissime informazioni ma sappiamo che Stellantis ha gli strumenti giusti per trasformare la casa automobilistica italiana in un attore chiave con veicoli nuovi ed entusiasmanti che si spera possano riportare in vita il DNA di vecchi modelli in un’era in cui i SUV e le auto elettriche sono i padroni.

Questo vuol dire che Lancia potrebbe annunciare molto presto altri veicoli accanto a una nuova generazione della Ypsilon. Per quanto riguarda Stellantis nel complesso, il 2020 si è chiuso con il nuovo gruppo in sesta posizione in quanto ha venduto complessivamente 3,89 milioni di veicoli a causa di un anno davvero difficile per il settore automobilistico.

La diminuzione del 33% ha posizionato Stellantis dietro a Hyundai e Kia (che hanno venduto 4,5 milioni di auto), General Motors (4,72 milioni di unità) e Renault-Nissan (5,54 milioni di esemplari). Le primi due posizioni, invece, sono state occupate da Toyota (6,68 milioni) e il Gruppo Volkswagen (6,18 milioni).

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento