in

Peugeot nel 2020 è riuscita a fare meglio che nel 2019

Il marchio Peugeot ha registrato una straordinaria ripresa nella seconda metà dell’anno 2020 secondo il CEO Imparato

Peugeot
Peugeot

Il fiore all’occhiello di PSA, il marchio Peugeot, ha registrato una straordinaria ripresa nella seconda metà dell’anno 2020, spiega Jean-Philippe Imparato, direttore del marchio parlando con la stampa. Questo nonostante PSA abbia appena pubblicato i risultati del 2020, con un calo del 27,8% delle vendite globali in un anno.

Peugeot ha registrato una straordinaria ripresa nella seconda metà dell’anno 2020 secondo il CEO Imparato

Imparato questo giovedì, ha ammesso che Peugeot ha attraversato, come tutti i costruttori, “un anno estremamente difficile” e soprattutto “un semestre estremamente duro” ma ha potuto contare su un “rimbalzo straordinario nel secondo semestre”.

A riprova: “gli ordini sono aumentati dal punto di uscita del portafoglio ordini da consegnare nel primo trimestre del 2021, che abbiamo fine dicembre per Peugeot, è del + 15% rispetto a dicembre 2019” spiega Jean-Philippe Imparato. “Quindi ne siamo usciti meglio alla fine del 2020 rispetto a quanto abbiamo fatto alla fine del 2019.”

Inoltre, “cresce la quota di mercato del marchio in 5 regioni su 6 nel mondo”, continua il direttore, che ci assicura addirittura che in 29 paesi “la quota di mercato dove i volumi hanno stabilito un record”.

Peugeot ha potuto contare su un rinnovo della gamma nel corso dell’anno e su buone vendite dei suoi veicoli elettrici o ibridi. Pertanto, il 14% delle vendite dei modelli 208 e 2008 erano elettriche e il 17% erano ibride plug-in. Allo stesso modo, il 27% dei nuovi 3008 e 5008 sono stati venduti come ibridi plug-in.

Ti potrebbe interessare: Le prestazioni di Fiat in USA potrebbero scoraggiare Stellantis dal riportare Peugeot in quel mercato

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento