in

La Cina riduce gli incentivi per l’acquisto di auto elettriche nel 2021

I veicoli a nuova energia dovranno rappresentare il 20% delle vendite entro il 2025

servizi-per-concessionari-crescita-auto-elettriche-europa

La Cina è uno dei principali mercati per le auto elettriche e in generale per i cosiddetti veicoli a nuova energia (New Energy VehiclesNEV). La Repubblica popolare è anche il principale mercato automobilistico del mondo. Questo è il motivo per cui qualsiasi tipo di decisione deve essere analizzata in maniera dettagliata perché quasi sempre finisce per influenzare il resto dell’industria automobilistica.

Il coronavirus ha sicuramente sconvolto i piani e la roadmap che il governo cinese stava seguendo per il suo processo di transizione verso la mobilità elettrica. Con l’inizio del 2021, arrivano nuove ed interessanti informazioni sui prossimi passi che faranno le autorità cinesi. In particolare, il governo ha deciso di tagliare i fondi per le auto elettriche riservati al 2021.

Incentivi Auto Elettrica 2020
Cina, le autorità vogliono che il 20% delle auto vendute siano a nuova energia entro il 2025

Cina: il governo ha deciso di ridurre i fondi destinati alle auto elettriche per il 2021

In aggiunta, le autorità hanno affermato che rafforzeranno le normative sui nuovi investimenti e sulla produzione di auto per evitare l’eccesso di capacità. Sono anche in fase di definizione i dettagli per lanciare nuove misure per stimolare un ulteriore consolidamento dell’industria automobilistica cinese e creare una catena di fornitura più completa.

L’obiettivo del governo cinese è quello di far nascere localmente dei player nel settore automobilistico da prendere come riferimento. Ci sono già alcune aziende cinesi che trattano direttamente con i marchi stranieri come ad esempio Nio e Xpeng. Gli incentivi saranno ridotti del 10% sui veicoli a nuova energia destinati al trasporto pubblico come ad esempio autobus e taxi.

Entro il 2025, il governo cinese vuole che il 20% delle auto vendute nel grande paese asiatico siano elettriche, ibride plug-in e/o a idrogeno. Si tratta di un traguardo ambizioso in quanto al momento questa percentuale si aggira attorno al 10%.

Vista l’impressionante e sorprendente capacità di recupero che il settore automobilistico cinese ha dimostrato negli ultimi mesi, non sembra un’impresa così inverosimile. Al momento sappiamo che la Cina estenderà i sussidi e le esenzioni fiscali sull’acquisto di veicoli elettrificati fino al 2022.

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento