in

Tutte le Fiat saranno più care a gennaio in Brasile

Dal Brasile dicono che Fiat ha intenzione di aumentare i prezzi della sua gamma di auto da gennaio 2021

Felice 2021? Forse non per chi preferisce acquistare un’auto nuova solo a gennaio e non adesso. Nel gruppo Fca, ad esempio, è già evidente la decisione di riadattare il listino prezzi per l’intera linea Fiat il 4 gennaio. Una dichiarazione interna riservata rilasciata ai concessionari venerdì scorso (18), dal titolo “Riallineamento dei prezzi – gennaio 2021”, avverte che i prezzi suggeriti per i modelli del marchio italiano “ riceveranno un aumento medio del 2,4% ”.

Ciò significa che la percentuale di aggiustamenti può variare da un modello all’altro, così come da una versione all’altra. Tuttavia, è possibile utilizzare la media per calcolare in anticipo come dovrebbero apparire le etichette.

La Fiat Mobi Easy, ad esempio, l’attuale auto più economica del produttore nel paese, passerebbe da R $ 38.990 a circa R $ 39.900, lasciando l’utilitaria molto vicina a superare la gamma di R $ 40 mila in tutte le sue configurazioni.

Argo, d’altra parte, vedrebbe il suo prezzo iniziale, quello che riguarda la versione manuale 1.0, aumentato da R $ 54.290 a circa R $ 55.600. Tuttavia, nella sua variante più popolare, il manuale Drive 1.0, l’aumento del 2,4% aumenterebbe il valore da R $ 60.390 a poco più di R $ 61.800. L’opzione automatica Trekking 1.8, anch’essa mirata, passerebbe da R $ 72.990 a una stima di R $ 74.750.

A sua volta, la nuova generazione di Fiat Strada vedrebbe la versione entry, Endurance Double Cabin 1.4, essere riadattata da R $ 65.990 a R $ 67.500 se viene applicata la percentuale media. Allo stesso tempo, il nuovo manuale Strada Volcano Double Cabin 1.3 passerebbe da R $ 83.990 a R $ 86.000.

Ti potrebbe interessare: Fiat Strada: tempi di attesa di 90 giorni per tutte le versioni in Brasile

 

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento