in

Veicoli commerciali: novembre si chiude con una crescita del 10%

Oltre 18.000 veicoli commerciali sono stati venduti in Italia durante l’intero mese scorso

Veicoli commerciali Fiat
veicoli commercial

Le ultime stime condivise dal Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE (Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri) riporta una crescita del 10% delle immatricolazioni dei veicoli commerciali di portata fino a 3,5 tonnellate, per quanto riguarda novembre 2020.

In particolare, l’associazione di categoria afferma che il mese scorso si è chiuso con 18.187 unità vendute, ossia il 10% in più rispetto a quando registrato nello stesso mese ma del 2019. Nonostante il risultato raggiunto a novembre, però, i primi 11 mesi di questo 2020 portano comunque a un risultato negativo.

Peugeot presenta il suo nuovo furgone elettrico e-Boxer mentre PSA mantiene la promessa di elettrificare l'intera linea di veicoli commerciali
Veicoli commerciali, il periodo gennaio-novembre 2020 si è chiuso con un calo del 15,6%

Veicoli commerciali: i dati di UNRAE mostrano una ripresa del mercato a novembre 2020

Parliamo di oltre 26.000 veicoli commerciali venduti in meno (-15,6%) a 142.310 unità rispetto a 168.642 registrate da gennaio a novembre 2019. Michele Crisci, presidente di UNRAE, ha voluto commentare questa situazione che non riguarda soltanto il mercato dei veicoli commerciali con portata fino a 3,5 tonnellate.

Egli ha dichiarato: “Il risultato del mese conferma la nostra stima di un mercato 2020 in calo di quasi il 14% a circa 163.000 veicoli commerciali immatricolati, con una perdita di oltre 25.000 unità rispetto alle 188.633 dell’intero 2019. Nonostante l’incremento dell’e-commerce e delle consegne a domicilio che hanno fornito un contributo alla domanda dei veicoli commerciali leggeri, come visibile dal recupero dei furgoni, la flessione in termini annui resta consistente e in doppia cifra”.

Crisci ha proseguito dicendo: “I cassoni, che insieme ai furgoni coprono oltre l’80% delle vendite, essendo legati alla frenata degli investimenti di industria e costruzioni, dovrebbero evidenziare la perdita maggiore fra le carrozzerie a fine 2020. Una contrazione così sostenuta del mercato dei veicoli da lavoro continuerà inevitabilmente a rallentare il necessario processo di rinnovo del nostro parco circolante ancora molto anziano che, ai ritmi attuali, impiegherebbe 24 anni per essere interamente sostituito”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento