in

Ecco gli ADAS che saranno obbligatori per tutti dal 2022

Dal luglio 2022 sarà obbligatorio per le vetture disporre di alcuni sistemi ADAS che verranno poi ampliati nel 2024

ADAS auto

Tutti i nuovi veicoli che saranno omologati a partire dal 6 luglio 2022 dovranno essere equipaggiati con un set di dispositivi di ausilio alla guida e protezione attiva di nuova generazione. Un’obbligatorietà che riguarderà non solo i veicoli, visto che coinvolge anche ciclisti e pedoni ovvero quei soggetti vulnerabili.

A partire invece dal 2024, tutti gli autoveicoli di nuova produzione saranno provvisti dei sistemi ADAS. In questo modo si andrà avanti verso l’introduzione di quei principi introdotti dal programma di sicurezza stradale Vision Zero che era nato in Svezia nel 1997 ma si è rapidamente diffuso in tutto il Vecchio Continente. La volontà è quella di raggiungere la soglia di zero vittime derivanti da incidenti stradali. In questo senso l’Unione Europea risulta all’avanguardia.

In questo modo, per la prima volta, alcuni ADAS (Advanced Driver Assistance System) dovranno essere presenti obbligatoriamente sui veicoli di categoria M (vetture per il trasporto di persone e autobus), N (veicoli per il trasporto di merci) e O (rimorchi o semirimorchi).

Obbligo per tutti

In questo modo non saranno più i costruttori a dover decidere cosa installare di serie e cosa fornire a pagamento. In ogni caso oggi gli ADAS appaiono decisamente diffusi, anche a partire da categorie di vetture di fascia bassa. Grandi passi avanti sono stati condotti anche dal punto di vista dell’assorbimento degli urti e della resistenza strutturale delle vetture.

La normativa che includerà l’obbligo di alcuni ADAS sui veicoli specificati in precedenza, possiede come base il Regolamento Europeo 2019/2144 sulla General Safety Regulation e già pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea lo scorso 16 dicembre 2019. Questo ha aggiornato il regolamento comunitario 661/2009 in tema di sicurezza, oltre cha la normativa UE 78/2009 relativa alla sicurezza dei pedoni.

I seguenti sistemi dovranno quindi risultare obbligatori a partire da luglio 2022:

  • Il sistema Intelligent Speed Assistance basato sul riconoscimento della segnaletica stradale e quindi sulle mappe
  • Predisposizione dell’elemento di avviamento per monitorare lo stato di ebrezza del conducente tramite un etilometro che impedisce l’avviamento del motore se il conducente non è idoneo alla guida
  • Sistemi di riconoscimento di eventuali distrazioni o stanchezza del conducente
  • Dispositivi di segnalazione di un blocco del veicolo in situazioni di emergenza
  • Sistemi di rilevazione di eventuali veicoli che provengono in senso opposto
  • Dispositivi di registrazione delle fasi che precedono un incidente o una situazione di emergenza
  • Telecamera per la retromarcia

Inoltre le vetture o i veicoli commerciali leggeri dovranno disporre di sistemi per la frenata automatica di emergenza e per il rilevamento della corsia di marcia, in entrambi i casi finalizzati anche al riconoscimento di eventuali pedoni o ciclisti. Inoltre dovranno anche avere aree di protezione per la testa maggiori in modo da ridurre eventuali lesioni in caso di impatto con pedoni o ciclisti.

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento