in

Opel: in Spagna produzione stabile ma vendite in calo

Il coronavirus riduce le vendite di Opel in Spagna mentre la produzione rimane stabile grazie a Corsa

Opel rinnova immagine

La crisi del coronavirus sembra avere due facce per Opel in Spagna. Mentre la produzione dello stabilimento di Figueruelas (Saragozza) ha resistito meglio di quella della maggior parte degli stabilimenti del Paese, la pandemia ha colto il marchio in un anno di transizione che ha causato un crollo delle vendite più elevata rispetto a quella del mercato nella sua media.

Nonostante l’azienda non fornisca dati ufficiali, fonti del settore sottolineano che il volume della struttura aragonese diminuirà di meno del 30%. La performance sarà migliore di quella della Seat a Martorell (-35%) e di quella della Ford ad Almussafes (-33%), perché grazie al possesso dell’esclusiva mondiale della Opel Corsa supererà le 350.000 unità.

Il dato, in attesa di conferma, sarà sicuramente peggiore dei 471.142 veicoli che il centro ha assemblato nel 2019 e dei 520.000 che le fonti sindacali aspiravano a raccogliere nel 2020 prima dello scoppio della pandemia.

Molto peggiori, invece, le previsioni dopo il primo lockdown, che ha costretto il Figueruelas a chiudere per due mesi. Inoltre l’azienda ha programmato giornate di sabato non previste visto l’andamento dei mercati.

Nell’ultima settimana il ritorno è stato frenato “dall’incertezza” proveniente da mercati come Austria, Francia e Regno Unito derivante dalle restrizioni imposte dalle autorità.

Opel: Vendite peggiori della media in Spagna

Se la nota positiva è arrivata dalla fabbrica aragonese, quella negativa sono state le vendite che hanno marciato sensibilmente peggio della media. Alla fine di novembre 2019, Opel era il sesto marchio di maggior successo in Spagna con 65.738 auto vendute nel paese. Oggi l’azienda non compare tra i primi dieci e praticamente raddoppia il calo del settore.

Nei primi undici mesi del 2020 le immatricolazioni di auto si sono contratte del 35,3%, quelle di Opel si sono ridotte del 58,2%. La pandemia ha colto l’affiliato di PSA in un anno di transizione, con un portafoglio di modelli inferiore rispetto alla scorsa stagione. Ha messo sul mercato solo cinque auto rispetto alle nove che aveva a questo punto nel 2019.

È stata particolarmente colpita dalla fine della Opel Mokka X, di cui sono state vendute più di 10.000 unità nei primi undici mesi dello scorso anno. Il modello tornerà nel 2021 nella sua versione rinnovata.

Ti potrebbe interessare: Nuova Opel Corsa: la gamma si arricchisce con l’allestimento GS Line+Pack

 

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento