in

Stop auto benzina e diesel nel 2030: la GB accelera

Ci siamo quasi: il divieto sta per diventare realtà. Ma la Norvegia fa anche prima

londra traffico

Lo si sa da tempo: stop auto benzina e diesel nel 2030 in GB. Adesso però ci siamo quasi. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha in programma di annunciare la a il divieto di vendita di nuove auto a benzina e diesel a partire dal 2030, anziché nel 2035. Lo dice il Financial Times.

Stop auto benzina e diesel nel 2030: in origine nel 2040

La Gran Bretagna aveva all’inizio pianificato di vietare la vendita di nuove auto a benzina e diesel a partire dal 2040, come parte degli sforzi per ridurre le emissioni di gas serra, e a febbraio Johnson ha anticipato tale divieto al 2035. Ora siamo al 2030, riporta il Sole. Ma le ibride, che utilizzano una miscela di propulsione elettrica e a combustibile fossile, sono salve. Vendute fino al 2035.

Ricordiamo che le auto a benzina e diesel hanno rappresentato finora il 73,6% delle vendite di auto nuove quest’anno, mentre il 5,5% delle vendite sono state effettuate con veicoli elettrici puri, un dato in forte aumento. I veicoli ibridi di vario tipo hanno costituito il resto delle vendite.

In Norvegia tutto anticipato al 2025: niente endotermiche

Chi corre più di tutti è la Norvegia, patria dell’auto elettrica, dove ci sono fortissimi incentivi. Questa nazione (molto ricca) ha indicato il 2025 come l’anno a partire dal quale si potranno vendere solo veicoli a zero emissioni. Infattu, in Norvegia elettriche pure e plug-in rappresentano già il 70% del mercato nel 2020. Per la Danimarca il 2030 è la fine per diesel e benzina e uno del 2035 per ibride plug-in. Anche Olanda e Islanda indicano il 2030 come ultimo anno in cui sono consentite le vendite di veicoli endotermici. Spagna e Francia? Il 2040. Da noi, non c’è una data precisa, ma si inizia a parlare di 2030.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI