in

Citroën Ami: il brand francese lancia un sito in UK per valutare la domanda

La nuova city car è una risposta pratica alle nuove esigenze di mobilità per gli spostamenti brevi

Citroën Ami

Citroën ha lanciato nel Regno Unito un sito Web dedicato alla nuova Citroën Ami 100% elettrica che consente di valutare l’interesse per un potenziale piano di vendita della city car agli acquirenti britannici.

All’interno del portale Internet, la casa automobilistica francese chiede alcune informazioni a coloro che desiderano acquistare il nuovo EV biposto. Secondo Eurig Druce, amministratore delegato di Citroën UK, l’azienda francese si trova attualmente nelle ultime fasi della valutazione del debutto commerciale della Ami nel Regno Unito.

Citroën Ami
Citroën Ami con due posti a sedere e fino a 76 km di autonomia

Citroën Ami: si fa sempre più probabile il lancio della city car nel Regno Unito

Parlando con Autocar, Druce ha dichiarato che c’è un enorme desiderio di portare sul mercato britannico questa particolare due posti. L’ad del brand di PSA ha spiegato che si tratta di una vera Citroën ed è un’auto divertente e offre ciò che promette. La Citroën Ami ha lo scopo di spingere lo storico marchio francese verso una nuova era di car sharing e di mobilità urbana.

La vettura è classificata come un quadriciclo, il che significa che può essere guidata in tutta Europa senza avere la patente di guida da persone con età uguale o superiore ai 16 anni. Eurig Druce ha riconosciuto che Citroën UK ha importato nel Regno Unito alcuni esemplari della Ami per effettuare vari test.

Prima di lanciarla in UK, Citroën inviterà i media e alcuni consumatori a testare e valutare la city car a zero emissioni nella sua forma attuale. Oltre a questo, Druce ha specificato che molto probabilmente la vettura proporrà la guida a sinistra.

Sembra un grosso problema ma, a causa delle dimensioni dell’auto, la differenza tra avere il volante a sinistra o a destra è probabilmente di soli 17 o 20 cm, non un enorme svantaggio“, ha affermato l’amministratore delegato.

La velocità massima tocca i 42 km/h

La Citroën Ami è 90 mm più lunga della Renault Twizy e ha un raggio di sterzata di 40 mm più ampio. Sotto il pavimento c’è una batteria agli ioni di litio da 5,5 kWh che promette fino a 76 km di autonomia con una singola ricarica mentre l’unico motore elettrico consente di raggiungere una velocità massima di 42 km/h. La batteria può essere caricata in sole tre ore utilizzando una presa domestica.

In Europa, Citroën propone tre modelli di utilizzo della nuova Ami: noleggio a lungo termine, car sharing e acquisto tradizionale. Il noleggio richiede un deposito di 2644 euro e un abbonamento mensile di 19,99 euro. Tramite il servizio di car sharing, è possibile mettersi al volante della piccola vettura pagando 0,26 euro al minuto. L’acquisto, invece, prevede il pagamento di 6000 euro.

citroen-ami-2020

L’acquisto della Citroën Ami avviene interamente online, con il veicolo che può essere consegnato direttamente a casa o ritirato presso un punto specifico. Come è possibile vedere nelle immagini, la Ami vanta un’ampia superficie vetrata che include un tetto panoramico per permettere agli occupanti di avere una buona visibilità.

L’abitacolo della vettura è chiuso e riscaldato e dispone di due sedili posizionati uno accanto all’altro cosicché le persone più alte possano entrare facilmente. La casa automobilistica francese ha affermato che è possibile riporre ai piedi del passeggero un bagagliaio a mano. Al centro della plancia è presente un’area dedicata al posizionamento di uno smartphone per accedere alla musica preferita e al navigatore.

Citroën descrive la nuova Citroën Ami come una risposta pratica alle nuove esigenze di mobilità per gli spostamenti brevi e per accedere in maniera facile ai centri urbani. Inoltre, la vettura si propone come una vera alternativa a scooter, bici, ciclomotori e mezzi pubblici.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI