in

FCA, GM e Ford: fabbriche a pieno regime in USA nonostante la pandemia

FCA, GM e Ford nonostante il coronavirus gli stabilimenti lavorano a pieno regime in USA

FCA Ford General Motors
FCA Ford General Motors

Quando la pandemia di coronavirus ha colpito gli Stati Uniti a marzo, le tre case automobilistiche di Detroit FCA, GM e Ford hanno chiuso i loro stabilimenti e hanno portato la produzione di veicoli in Nord America ad uno stop senza precedenti. Ora, quattro mesi dopo un riavvio lento e talvolta irregolare a maggio, molte fabbriche di General Motors Co, Ford Motor Co e Fiat Chrysler Automobiles NV stanno lavorando a piena velocità, inseguendo una ripresa delle vendite più forte del previsto.

Finora, nessuno dei Detroit Three ha avuto un grave focolaio di COVID-19 da quando è stata riavviata la produzione, anche se il coronavirus è in aumento nelle comunità del Midwest e del sud fuori dalle mura delle fabbriche.

“Abbiamo persone che risultano positive, ma non influenzano le operazioni”, ha affermato Gary Johnson, capo della produzione globale di Ford. Tenere a bada la pandemia ha spinto le case automobilistiche e i 156.000 dipendenti delle fabbriche statunitensi rappresentati dagli United Auto Workers a routine di lavoro e straordinari livelli di cooperazione tra i rivali che dovranno essere sostenuti per i mesi a venire.

I lavoratori registrano i loro sintomi, o la loro mancanza, nelle app per smartphone e oltrepassano gli scanner della temperatura per raggiungere le loro postazioni di lavoro. Ma i dirigenti di FCA, GM e Ford e dei sindacati hanno affermato che le mascherine, insieme alla distanza fisica, sono la chiave per mantenere le linee di assemblaggio in movimento. “La mascherina è il fondamento” della protezione dei lavoratori sul posto di lavoro, ha affermato Gerald Johnson, capo della produzione globale di GM.

I lavoratori automobilistici sono abituati a indossare indumenti protettivi come occhiali e guanti infrangibili. Le mascherine che coprono la bocca e il naso, tuttavia, non erano l’equipaggiamento standard sulle linee di assemblaggio delle auto e all’inizio erano una vendita difficile.

“La lamentela più grande è quella di dover indossare una mascherina”, ha detto alla Reuters il presidente della United Auto Workers Rory Gamble. “Molti dei nostri membri svolgono attività fisiche. Indossare la mascherina inibisce la respirazione.” Oltre a ciò, ha detto Gamble, le mascherine e le distanze rendono più difficile per i lavoratori conversare sul lavoro o socializzare durante le pause. “Questo è praticamente fuori discussione e rende la giornata più lunga”, ha detto.

FCA, GM e Ford  testano i lavoratori che presentano sintomi associati all’infezione da coronavirus, ma non hanno adottato test diffusi per i loro 156.000 operai. Tutte e tre le aziende hanno incontrato lavoratori risultati positivi all’esposizione a COVID-19 e all’inizio ci sono stati brevi arresti per pulire gli impianti. I tassi di assenteismo sono ancora più alti del normale in alcuni stabilimenti, guidati sia dalle preoccupazioni per le infezioni che dai problemi nell’ottenere l’assistenza ai propri figli.

Ti potrebbe interessare: Dodge Challenger SRT Hellcat sfida un Ford F250 in una gara di accelerazione | Video

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI