in

Maserati 3200 GT: il reparto Fuoriserie realizza una versione off-road

Sarebbe stata un’ottima vettura da usare in gare come il Rally Dakar

Maserati 3200 GT off-road render

La divisione Fuoriserie di Maserati ha pubblicato nelle scorse ore alcune immagini molto interessanti di quella che avrebbe potuto essere una versione off-road della Maserati 3200 GT.

Il progetto digitale è stato presentato attraverso lo slogan Maserati Days of Future Past e molto probabilmente ne arriveranno di altri nei prossimi mesi. La casa automobilistica modenese ha pensato di trasformare la 3200 GT in una vettura a trazione integrale pensata per correre in gare come il Rally Dakar.

Maserati 3200 GT off-road render
Maserati 3200 GT, il corpo ha ricevuto una serie di modifiche incentrate sull’off-road

Maserati 3200 GT: il reparto Fuoriserie pensa a una versione off-road della storica auto

Come potete vedere nelle immagini, la speciale Maserati 3200 GT dispone di una carrozzeria off-road che comprende paraurti modificati con rinforzi tubolari, pneumatici tassellati, passaruota più larghi, assetto rialzato, portapacchi sul tetto per trasportare gli accessori necessari per sopravvivere nel deserto e fari ausiliari. L’abitacolo, invece, è caratterizzato da una roll-bar e da altre poche caratteristiche.

In base a quanto dichiarato da Maserati, questo progetto digitale è stato realizzato nel 2002 e mai pubblicato. Si tratta più che altro di una dimostrazione di quello che il reparto Maserati Fuoriserie è in grado di fare.

La 3200 GT sarebbe stata equipaggiata da un prototipo dell’attuale sistema di trazione integrale Q4 presente sul Levante ma purtroppo non ci sono informazioni sul motore nascosto sotto il cofano. L’originale Maserati 3200 GT era dotata di un V8 biturbo da 3.2 litri capace di sviluppare una potenza di 368 CV, preso in prestito dalla Quattroporte.

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento