in

Questa Dodge Challenger 383 presenta le specifiche della versione 440 Magnum

Il motore 383ci da 6.3 litri è stato convertito con le specifiche del 440 Magnum

Dodge Challenger 383 1970

Ci sono molte auto nel mercato dell’usato a cui vale la pena dare un’occhiata, soprattutto se si è alla ricerca di un veicolo per cui un restauro completo vale il tempo perso. È il caso di questa Dodge Challenger 383 del 1970 che nasconde sotto il cofano ancora il motore originale ma è stato convertito per assomigliare al 440 Magnum.

Secondo il proprietario dell’auto, che ora sta cercando di venderla su eBay, il propulsore 383ci da 6.3 litri funzionava correttamente prima che dell’inizio del restauro completo con l’aiuto di un negozio locale.

Dodge Challenger 383 1970
Dodge Challenger 383 interni

Dodge Challenger 383: un esemplare particolare del 1970 è in vendita su eBay

È stata portata su un rimorchio fino all’officina di restauro dove è stata smontata. SOLO il lavoro sulla carrozzeria è iniziato (tutti i pannelli neri nelle immagini sono nuovi). Purtroppo il negozio ha chiuso e ci sono alcuni pezzi non montati. La maggior parte della carrozzeria sembra essere completata, ma sarà necessaria attenzione per i paraurti anteriori, le porte e credo anche per il coperchio del cambio“, ha spiegato il proprietario.

Quindi, in teoria, questa Challenger è stata portata in un negozio per un restauro completo, il negozio ha chiuso e non è più tornata allo stato originale. Ciò significa che, in caso di acquisto, si riceverà un’auto in pezzi. Il proprietario afferma che mancano alcune parti come il vetro di una portiera, il parabrezza, il cric, la ruota di scorta, la radio e altro ancora.

La descrizione dell’annuncio di vendita riporta che questa Dodge Challenger 383 del 1970 ha percorso 99.779 km. Al momento della pubblicazione di questo articolo, l’auto ha raggiunto i 20.000 dollari (16.921 euro).

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI